Zingales: polemiche sul falso master di Giannino

falso master di gianninoRoma – Continuano le polemiche sul falso master di Giannino . «Questo è un fatto grave, soprattutto per un partito che predica la meritocrazia, la trasparenza, e l’onestà. Ciononostante, il fatto per me ancora più grave è come questo brutto episodio è stato gestito: in una organizzazione che predica meritocrazia, trasparenza, e onestà, la prima reazione avrebbe dovuto essere una spiegazione di Giannino ai dirigenti del partito, seguita da un chiarimento al pubblico. Invece Oscar si è rifiutato, nonostante io glielo abbia chiesto in ginocchio» con queste parole l’economista Luigi Zingales ha motivato la sua decisione di abbandonare il movimento fondato con lo stesso Oscar Giannino Fare per fermare il declino.

Anche Giannino ha detto la sua, all’Ansa e anche sul sito del movimento: «La mia risposta a Luigi Zingales è molto semplice. L’ho data ieri all’Ansa, uscita in rete alle 12.40 . “Mai preso un master a Chicago Booth. Mi hanno detto che in rete c’è una cosa che gira su un mio presunto master alla Chicago Booth. Vorrei chiarire che su questo c’è un equivoco. Io non ho preso master alla Chicago Booth. Sono andato a Chicago a studiare l’inglese. Bastava chiederlo, e avrei risposto. Lo chiarisco perché in rete c’è una cosa che monta. Luigi Zingales insegna alla Chicago Booth, mi è capitato di parlarci, ed è uno dei nostri fondatori. Insegna lì. Io sono stato a Chicago da giovane, a studiare, e non ho preso master alla Chicago Booth”».

Giannino non perde l’occasione per fare anche un po’ di campagna elettorale: «Ma il punto è un altro. A Luigi, a quattro giorni dalla fine della campagna elettorale, non è bastata. In effetti, da quanto ho detto a Repubblica si capiva il contrario. Quindi, chiarire era necessario in pubblico, sostiene Luigi. Ed è una piccola prova di quello che Fare riserverà all’Italia. Cominciando da me, come – ripeto – è giusto. Sono da decenni giornalista, non ho mai usato presunti titoli accademici – che non ho – per carriere che non mi competono. Lavoro da quando sono giovane, sotto gli occhi di tutti. Quanto so l’ho studiato per i fatti miei – vale anche per gli altri titoli che mi vengono attribuiti in rete – continuo a farlo ogni giorno, ed è ciò che dato forza a quel che ho fatto scritto e detto sotto gli occhi di tutti».

La rete ha immediatamente reagito: su Twitter c’è chi ha creato l’hashtag #ilcvchevorrei, mentre su Wikipedia già si discuteva sui titoli di studio di Giannino: « Ho scritto – raccontava una verificatrice di Wikipedia il 15 marzo 2011 – ieri al Manager del Student Records & Systems dell’università di Chicago Booth (Department: Student Records and Systems, vedi contatti http://boothdirectory.chicagobooth.edu) che mi ha gentilmente confermato: non solo assenza di diploma, ma nemmeno ha mai frequentato (per scrupolo hanno controllato anche il Executive Education (non-degree), e non compare nemmeno lì. L’affermazione “diploma in Corporate Finance e Public Finance presso la University of Chicago Booth School of Business” è dunque falsa e la rimuovo».

Non mancano di far sentire la propria voce anche i sostenitori del giornalista che negano ci sia qualcosa di vero sulla faccenda del falso master di Giannino.

Francesca Penza

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews