Zanzare a Milano, è colpa di Pisapia?

zanzare pisapia (lastampa.it)

La foto con le punture incriminate (lastampa.it)

Milano – Le zanzare sono uno dei più grandi fastidi dell’estate, assieme al caldo torrido di questi giorni. Eppure la natura ci ha insegnato a combatterle, pur con limitati successi, e anche un po’ a sopportarle. In questi giorni, invece, questi antipatici insetti dai fastidiosi effetti sono diventate anche motivo di lotta politica. Con un sorriso.

Accade a Milano, dove una donna inoltra un’immagine e una protesta sulla pagina Facebook del sindaco Giuliano Pisapia. «Gent.mo Sindaco Giuliano Pisapia, Le inoltro, con un certo imbarazzo ma serio disappunto, tre immagini dei miei piedi (Le risparmio il resto del corpo) in seguito a un’oretta circa (dalle 21.00 alle 22.30) trascorsa con amici in Porta Venezia nella nostra amata città. L’idea di affrontare il problema zanzare con le Bat Box – prosegue – mi sembra un’idea a oggi un po’ primitiva». Uno sfogo serio, ma che in parte fa sorridere.

Un po’ sembra di essere tornati alle buffe vignette pro-Pisapia, che giravano sul web l’anno scorso e assegnavano al sindaco di Milsano la colpa per i più diversi eventi, dai terremoti alla carestia.
In realtà, la protagonista di queste foto non è l’unica a protestare contro la supposta decisione dell’amministrazione milanese di evitare la disinfestazione chimica. Anche altri hanno avanzato contestazioni simili, riferendosi al posizionamento di pipistrelli in alcune aree della città, per combattere ecologicamente le infestazioni di insetti.

La risposta dell’ufficio di Pisapia non si è fatta attendere: «non è vero che questa amministrazione abbia preferito i pipistrelli alle disinfestazioni, dal momento che le 400 BatBox nei parchi si aggiungono a tutti gli interventi messi in campo sui circa 140 mila tombini nei pressi di strade, edifici comunali, scuole, cimiteri, ecc., come è facile constatare anche dal sito di Amsa. Un’azione di programmazione e coordinamento che va dalla lotta larvicida in primavera a quella adulticida nei mesi estivi fino a ottobre».
Sembra riproporsi la più classica questione della coperta corta: l’uso di rimedi compatibili con l’ecosistema dimostra un’efficacia inferiore, ma garantisce la diminuzione dell’uso di sostanze chimiche. Un dubbio ormai decennale, che non sarà certo risolto a Milano. Ma la stessa visibilità di questa protesta ci fa riflettere sull’importanza – relativa – di alcuni problemi.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews