Wsbk: Doppietta per Checa, show di Biaggi e Melandri

Marco Melandri su Yamaha (stayontheblack.com)

Phillip Island (Australia) – Nemmeno l’acquazzone che ha rovinato il warm-up è riuscito a cambiare l’esito del primo appuntamento con il mondiale Wsbk: dopo aver dominato gli ultimi test della pre-season e aver conquistato la superpole, Carlos Checa centra in Australia una fantastica doppietta.

Il pilota Ducati Althea vince entrambe le gare in solitaria ma c’è comunque spazio per lo spettacolo. E ad appassionare i tifosi italiani sarà stata soprattutto la lotta per il podio in gara2, che ha visto il campione del mondo Biaggi prevalere sulla new-entry Marco Melandri. Per il ravennate,  un terzo posto al debutto è comunque una bella soddisfazione, un chiaro segno che la spalla si sta riprendendo bene e, presto, gli  permetterà di sfruttare al meglio tutto il potenziale della Yamaha.

GARA1 - Checa non tradisce i pronostici e, già poco dopo il via, è subito al comando.  Nonostante l’asfalto sia ancora umido, i tempi realizzati dalla Ducati sono impressionati e Carlos può provare la fuga: solo Biaggi tenta di stagli dietro per qualche giro, salvo poi arrendersi alla lotta per il podio. A metà gara, la sua Aprilia si stabilizzerà al secondo posto, spostando l’attenzione sulla bagarre per la terza posizione. Vari i candidati: Haslam, Melandri, Laverty, autore di un’interessante exploit già nella primissime fasi della corsa, e Michel Fabrizio. Alla fine, sarà Haslam ad aver la meglio per il terzo posto, lasciando la volata finale alla coppia Yamaha: sarà l’irlandese ad imporsi, conquistando la quarta posizione. Da segnalare l’ennesimo errore di Jonathan Rea che, tra test e gara, ha accumulato, qui in Australia, una quantità di dritti ed incidenti impressionanti: per il pilota Honda Castrol, solo un dodicesimo posto, certamente da ritenersi al di sotto delle aspettative, malgrado un problema al polso.

 

Biaggi con l'Aprilia numero 1 (motorcyclistonline.com)

GARA 2 – Anche nella seconda manche Carlos Checa ha il ritmo giusto per mantenersi fuori dai guai. Il suo distacco sotto la bandiera a scacchi, pari a poco più di un secondo, non rende perfettamente l’idea di quanto la prima piazza non sia mai stata in discussione, per tutta la durata della corsa. Decisamente più avvincente, invece, la lotta per il resto del podio, lotta che ha visto protagonisti due vecchi nemici, Max Biaggi e Marco Melandri. La loro è una bagarre dal sapore quasi nostalgico e riporta alle mente le scaramucce in MotoGp, quando il corsaro era in difficoltà col la sua Honda ufficiale e Melandri il giovane di belle promesse che gli rubava la scena. Insomma, quella tra gli italiani è una sfida densa di significati, sia dentro sia fuori dalla pista: dopo una lunga serie di sorpassi e controsorpassi, la spunterà proprio il numero 1 del mondo. Melandri ha di che sorridere, considerati i bollettini medici di qualche settimana fa, dove gli veniva addirittura consigliato di saltare l’appuntamento australiano. Per sua fortuna, però, la spalla ha reagito meglio del previsto. Quarta piazza per Rea, che si riscatta così dai pasticci di gara1. Laverty è invece solo quindicesimo a causa di un lungo.

Prossimo appuntamento a Donington, il 27 Marzo. Manca ancora un mese ma il Gran Premio d’Europa si preannuncia già carico di attese. Innanzitutto, Melandri avrà ulteriormente recuperato dall’infortunio e si potrà quindi verificare se il suo passaggio in superbike lo porterà davvero a ritrovare la sensazione della vittoria. Ma, soprattutto, si potrà saggiare l’effettiva competitività della Ducati, lasciato un circuito amico come quello australiano.

Mara Guarino

Foto via: asphaltandrubber.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews