WakeUp NBA 2012– Northwest Division: Oklahoma City e Portland per la vetta

OKLAHOMA CITY THUNDER
LA STELLA – Kevin Durant è il faro e già in preseason ha iniziato a dettare legge mettendo in mostra anche un fadeaway con ginocchio alto a proteggere in pieno stile Dirk Nowitzki. Da oliare di nuovo gli ingranaggi nell’intesa con Russell Westbrook, il cui compito sarà quello di mettere da parte egoismi e personalismi.
LE NOVITA’ – Farà sorridere, ma sembra che Kendrick Perkins sia davvero un altro. Dimagrito, più mobile, meno propenso a falli stupidi: le prime due gare di preseason dei Thunder lasciano intravedere ottime cose, per quello che è sempre stato il vero punto debole della franchigia di coach Brooks.
PUNTI DEBOLI – Come detto, il settore lunghi potrebbe essere migliorato, grazie a Perkins e alla presenza in pianta stabile di Nazr Mohammed, arrivato alla fine della stagione passata, e Serge Ibaka, reduce dall’esperienza europea con il Real Madrid. Il dualismo Durant-Westbrook è stato una delle ragioni del fallimento nei playoff, dove quest’anno sarà fondamentale la presenza equilibratrice di James Harden.
I GIOVANI – L’ex Arizona è infatti il prospetto più interessante dei Thunder, chiamato a non deludere chi vedeva in lui un giocatore NBA Ready già dalla notte del draft. Per Maynor rischia di essere l’ultima chiamata per “diventare grande”: le lezioni con Deron Williams prima e con Russell Westbrook poi ancora non sono bastate per un definitivo salto di qualità che lo porti un passo più in là del ruolo di semplice rotazione da poco più di 10-15 minuti.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS – Primo posto Northwest Division.

UTAH JAZZ
LA STELLA – Al Jefferson sarà il pilastro su cui poggiare le sorti offensive della franchigia del Salt Lake: il settore lunghi conta anche Paul Millsap, la cui crescita vertiginosa è davvero notevole, e Derrick Favors, arrivato nello scambio che ha portato a Utah anche il playmaker Devin Harris, reduce da stagioni deludenti e in cerca di rilancio.
LE NOVITA’ – Oltre al già citato scambio con i Nets, il mercato ha portato il veterano Jamaal Tinsley, la cui utilità nelle rotazioni di coach Corbin rimane abbastanza misteriosa, e Josh Howard, uomo capace anche di stare a cavallo dei 20 punti a sera, se non condizionato da infortuni.
PUNTI DEBOLI – Manca un vero leader carismatico e manca anche un adeguato sostituto di Andrei Kirilenko, ancora indeciso tra la Russia o la possibile avventura in maglia Nets. Josh Howard porta punti ed esperienza, ma viene da un lungo periodo di inattività, lo stesso dicasi per il rientrante Okur.
I GIOVANI – Dalla Turchia con furore, è arrivato Enes Kanter, prima scelta Jazz nello scorso draft: lungo classe ’92 che ha tutte le carte in regola per sfondare anche se sicuramente andrà impostato correttamente sin da subito. Ci si attende senz’altro qualche passo in avanti anche da Gordon Hayward, viste le scintillanti premesse con cui era giunto in NBA.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS – Terzo posto Northwest Division.

MINNESOTA TIMBERWOLVES
LA STELLA – Vecchio pur essendo giovane: ecco il destino di Kevin Love, più che mai calato nel ruolo di chioccia per un gruppo giovane e che ha davanti a sé un lungo percorso di apprendimento. Al suo fianco, si spera che le maggiori responsabilità aiutino Michael Beasley a mettere finalmente la testa a posto e a pensare unicamente a liberare il proprio talento cestistico nella maniera migliore possibile.
LE NOVITA’ – La principale riguarda senza dubbio il coaching staff: dopo aver concluso il ciclo a Houston è arrivato infatti Rick Adelman, mago della panchina e sicuramente la persona giusta per fare crescere un roster con grande potenziale. Tra i nuovi arrivi, fresco campione NBA con i Dallas Mavericks, ecco JJ Barea, per dare qualità alla rotazione nel settore guardie.
PUNTI DEBOLI – Meccanismi da registrare, nuova guida tecnica, inesperienza, qualche testa calda di troppo e un settore lunghi che, escluso Love, al momento non annovera nessun nome di spicco. Il neo coach Rick Adelman e il suo staff di sicuro non avranno tempo da perdere con le mani in mano.
I GIOVANI – Tanti, a cominciare dallo spagnolo Ricky Rubio, finalmente giunto nella tana dei lupi: con lui anche Wes Johnson, deludente al primo anno, e il rookie Derrick Williams, spettacolo ad alta quota. Per il ben noto principio secondo cui la speranza è l’ultima a morire, aspettiamo buone nuove anche da Darko Milicic e soprattutto Anthony Randolph.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS – Quinto posto Northwest Division.

PORTLAND TRAILBLAZERS
LA STELLA – Ritirato Brandon Roy, perennemente infortunato Greg Oden, tocca ancora a LaMarcus Aldridge guidare i Blazers nella rincorsa alle vette della Western. L’ala grande
LE NOVITA’ – Arrivato in corso d’opera, Wes Matthews è finalmente parte integrante di schemi e gerarchie di coach McMillan, insieme a Gerald Wallace per una combo G-AP tutta fisico, atletismo e dinamismo. Punti e velocità dalla panchina sono il marchio di fabbrica di Jamal Crawford, oggetto del desiderio anche di Mike D’Antoni a New York.
PUNTI DEBOLI – Come ogni stagione, Portland parte con una squadra interessantissima: la speranza è che non venga distrutta pure quest’anno da una lunga serie di infortuni. Persi Oden e Przybilla, il settore lunghi conta praticamente il solo Marcus Camby (’74), il cui primo cambio è Kurt Thomas (’72). L’assenza di Brandon Roy potrebbe farsi sentire nei momenti in cui il pallone ha un peso specifico notevole.
I GIOVANI – Luke Babbit è chiamato a sostituire Rudy Fernandez come outside scorer in uscita dalla panchina, Armon Johnson potrebbe essersi guadagnato i galloni di vice Felton, in attesa che Patrick Mills si liberi dal contratto in Cina, mentre tutti aspettano con ansia il definitivo salto di qualità di quella meraviglia del creato che risponde al nome di Nicolas Batum. Talento, altetismo, fisico: non manca nulla, se non convinzione e intensità su entrambi i lati del campo.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS – Secondo posto Northwest Division.

DENVER NUGGETS 
LA STELLA – Fresco di rinnovo pluriennale, Nene Hilario è diventato l’uomo più rappresentativo delle Pepite del Colorado. Con Martin, Smith e Chandler dispersi in Cina, toccherà al centro brasiliano e al nostro Danilo Gallinari trascinare una squadra che di ambizioni pare averne proprio poche.
LE NOVITA’ – Partito Felton, è arrivato il veterano Andre Miller, per fare da chioccia a Ty Lawson, avviato sempre di più verso un ruolo da protagonista. Nello scambio con Portland e Dallas sono arrivati Corey Brewer, ottimo difensore in ala piccola, e Rudy Fernandez, i cui punti dalla panchina non possono che fare comodo, vista l’assenza di JR Smith.
PUNTI DEBOLI – La prima stagione di ricostruzione non è mai facile: gerarchie da trovare, leader da designare, rotazioni da stabilire, schemi da apprendere. L’incoscienza dei giovani, mista all’esperienza dei più vecchi è senz’altro un ottimo mix, ma manca una vera e propria stella a fare da architrave del progetto.
I GIOVANI – Partito Forbes, destinazione Toronto, gli young guns sono Danilo Gallinari, Ty Lawson e Kosta Koufos: dal draft sono arrivati Kenneth Faried, protagonista all’esordio in preseason, e Jordan Hamilton.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS – Quarto posto Northwest Division.

Andrea Samele

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews