La New York progressista del nuovo sindaco italoamericano Bill de Blasio

New York mayoral candidate Blasio, standing between his daughter Chaiara and district attorney candidate Thompson, speaks during a campaign rally in Brooklyn, New York

Bill de Blasio

Le aspettative erano già tutte su Bill de Blasio come nuovo sindaco di New York con le proiezioni di voto che lo davano in vantaggio con un 65%, contro il 24% del suo rivale, Joe Lhota. Dati ottenuti dall’ultimo sondaggio pubblicato dal “Wall Street Journal” e dall’emittente statunitense Nbc prima delle elezioni. Ma la vittoria è stata schiacciante.

Questa mattina sono usciti i risultati definitivi che hanno visto il candidato democratico affermarsi vincitore dello scrutinio con oltre cinquanta punti percentuali di vantaggio sull’avversario Lhota, chiudendo l’era repubblicana di Michael Bloomberg dopo dodici anni al comando della Grande Mela.

Con 752,604 voti (73,3%) de Blasio diventa il sindaco numero centonove nella storia della città e il quarto sindaco italoamericano di New York – dopo Fiorello La Guardia, Vincent Impellitteri e Rudolph Giuliani – ed entrerà in carica dal prossimo 1 gennaio 2014.

D’altra parte, il concorrente repubblicano e presidente della Metropolitan Transportation Authority, Lhota, ha racimolato solo l’esigua cifra di 249,121 voti (24,3%), e il resto dei partiti minoritari un 2,4%.

La vittoria non si è fatta aspettare e quarantacinque minuti dopo la chiusura delle urne – alle 21:00 ora locale, le 3:00 in Italia – i giornali già dichiaravano un vantaggio insormontabile del candidato democratico. Nella festa al Park Slope di Brooklyn i sostenitori esultanti ed entusiasti hanno celebrato finalmente l’arrivo di un politico popolare, che si batte per la gente comune.

Il candidato ha salutato il pubblico in inglese, spagnolo e anche con qualche parola di italiano. de Blasio, ombudsman – difensore civico – di New York di 52 anni, con moglie e due figli in una famiglia multirazziale, ex attivista di sinistra, nipote di immigrati italiani e strenuo sostenitore delle pari opportunità, si prepara ad aprire una nuova epoca di progressismo urbano. Il messaggio di de Blasio sulla storia di Charles Dickens delle “due città” – una ricca e una povera – ha riecheggiato nell’animo dei newyorkesi.

Bill de Blasio con sua moglie, Chirlane, e i suoi figli, Chiara e Dante

In una città dove i più poveri, più o meno il 46% degli abitanti, ricevono una media di seimila euro l’anno, mentre il 5% dei più fortunati ne guadagna oltre 323mila, de Blasio ha promesso di aumentare i salari e i servizi, così come di incrementare le tasse sui redditi che superano i 370mila euro (circa 500mila dollari), al fine di acquisire nuove liquidità nelle casse comunali che serviranno a garantire posti negli asili pubblici.

Il nuovo sindaco si è inoltre impegnato a cercare di ricucire lo strappo sempre più evidente tra forze dell’ordine e cittadini, particolarmente sentito soprattutto dalle comunità e le minoranze più colpite, come i neri e gli ispanici. Troppo spesso infatti, sottoposte a misure preventive come arresti e perquisizioni eccessive e sproporzionate.

In più de Blasio, promette “notevoli progressi” nella costruzione e manutenzione di circa 200mila alloggi pubblici, un problema serio per una città in cui gli affitti costano tre volte quelli della media nazionale. E a chi gli ha fatto notare i suoi trascorsi politicamente radicali ha risposto con una frase che racchiude il suo obiettivo: «Ho la stessa voglia che hanno gli attivisti di migliorare la vita delle persone».

Sandra Alvarez

Foto: nypost.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews