Vittima di violenza domestica, chiama la polizia e ordina una pizza

Astuto stratagemma messo in atto da una donna statunitense, vittima di violenza domestica. Di seguito, il testo della telefonata con l'operatore del 911

violenza domesticaVittima di ripetuti atti di violenza domestica da parte del compagno, ha finto di chiamare la pizzeria per ordinare la cena, componendo invece il 911, il numero a cui i cittadini statunitensi si rivolgono per segnalare crimini ed emergenze mediche. Dall’altro capo del telefono, un operatore incredulo, ma che ben presto si è reso conto di avere davanti a sé una situazione di pericolo. Il fatto risale a cinque mesi fa, ma è giunta sulle principali testate internazionali tra ieri e oggi, insieme al testo integrale della conversazione.

IL RACCONTO DELL’OPERATORE – È lo stesso operatore a spiegare come ciò che inizialmente riteneva uno stupido scherzo, si sia presto tramutato in una situazione nella quale intervenire con urgenza. «Mentre prendevo in carico la telefonata – ha spiegato l’operatore sul social network Reddit – ho controllato l’indirizzo, e ho visto che in passato c’erano state altre richieste di intervento per violenza domestica». L’ingegno della vittima, e la pronta comprensione della situazione dell’operatore, ha portato in pochi minuti un’agente di polizia nell’abitazione, all’interno della quale ha trovato una donna con evidenti segni di percosse, e un uomo ubriaco, indicato dalla vittima come l’autore delle violenze.

IL DRAMMA DELLA VIOLENZA DOMESTICA – L’astuto stratagemma, messo in atto dalla donna in una situazione in cui è complicato mantenere la lucidità, va considerato come un ottimo esempio da seguire per tutte le vittime di violenza domestica. Un fenomeno purtroppo in netta crescita, che ad oggi riguarda circa quaranta milioni di donne in Europa, circa il 22% della popolazione femminile dell’intero continente. In Italia, secondo i dati raccolti nei centri di assistenza, la violenza domestica è la forma più pervasiva di violenza di genere, con una percentuale del 78,21%. Secondo gli analisti, i dati pubblicati tendono ad essere sempre minori di quelli reali, poiché le violenze dentro le mura di casa non vengono denunciate dalle stesse vittime, spesso per paura di subire ritorsioni da parte del partner. Speriamo che lo stratagemma messo in atto dalla donna statunitense possa essere utile ad invertire questa triste rotta.

violenza domestica

Il testo integrale della telefonata tra la donna vittima di violenza domestica e l’operatore del 911

 

Carlo Perigli
@c_perigli

 

foto: terzobinario.it fanpage.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews