VIDEO – Troppa volgarità, per Rooney da domani Coca Cola “zero”

Manchester - Per i suoi tifosi Rooney è l’uomo del momento, avendo regalato ieri sera ai suoi Red Devils una fondamentale vittoria allo Stanford Bridge contro il Chelsea nei quarti di finale di Champions League.

L’attaccante, dopo un brutto mondiale, un complicato avvio di stagione a Manchester con alcune voci di mercato che lo davano per partente e grossi problemi coniugali a causa delle sue frequentazioni con delle escort, è tornato a far impazzire di gioia i tifosi con prestazioni eccezionali e raffiche di gol. Una di queste proprio nell’ultima di campionato.
Il Manchester United, sotto di due gol col West Ham, ha bisogno di un miracolo e Rooney risolve il match con una fenomenale tripletta, ma dopo aver realizzato il terzo gol su rigore, rivolge alle telecamere, a più riprese, una serie di insulti e parolacce, venendo messo sotto inchiesta dalla Federcalcio inglese con l’accusa di linguaggio offensivo.

La squalifica era nell’aria ed infatti oggi puntuale la conferma della Football Association. Il giocatore non potrà scendere in campo nelle prossime due sfide dello United: la prima di Premier League contro il Fulham in programma sabato e soprattutto il derby della semifinale di FA Cup contro il Manchester City del 16 aprile.

Il centravanti inglese si era prontamente scusato per il comportamento poco ortodosso e non ha preso troppo bene la squalifica. In uno spezzone di intervista rilasciata per la stampa britannica ha affermato: “Non sono il primo giocatore a dire oscenità in tv e non sarò l’ultimo. Al contrario di altri che sono stati ripresi dalle telecamere, io mi sono scusato immediatamente: ma sono l’unico squalificato per aver pronunciato frasi volgari. Non mi sembra giusto, ma devo accettare la situazione e andare avanti”.

Cio’ che più fa notizia è pero’ la bocciatura arrivata da uno dei principali sponsor del giocatore: la Coca Cola. La compagnia americana ha infatti annunciato che non intende rinnovare il contratto dell’attaccante del Manchester United, impiegato come testimonial dal 2005. Rooney, perde così il munifico contratto da 2,5 milioni di sterline.

Il colosso delle bibite aveva già in precedenza mostrato di non apprezzare l’immagine del giocatore, che nel 2010 ha rischiato di mandare all’aria il matrimonio per una relazione extraconiugale con una escort. Rooney ha salvato il rapporto con la moglie Coleen ma non ha fatto abbastanza per conservare la stima del partner commerciale.

Wayne ora avrà due settimane di riposo e certamente anche in seguto al licenziamento della Coca Cola non dovrà impegnarsi a fare i conti per pagare le bollette di casa. Il campione, infatti, è ancora il testimonial di brand come Nike e EA Sports e, tra ingaggio e sponsorizzazioni, incassa circa 1 milione di sterline al mese.

Davide Lopez

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews