VIDEO – Trofeo Tim, gli insulti razzisti a Constant

Il momento in cui Constant scaglia via la palla verso le tribune (Youtube)

Reggio Emilia – Una sera d’estate, la squadra campione d’Italia che affronta la terza classificata e una delle neo arrivate in serie A, per una serata all’insegna del buon calcio pre-campionato. Il Trofeo Tim sarebbe dovuto essere tutto questo, ma al di là della vittoria del Sassuolo, che ha sconfitto il Milan nel terzo e ultimo tempo per 2-1 (dopo che i rossoneri avevano vinto 7-6 ai rigori con la Juventus, e questa aveva battuto a loro volta il Sassuolo ai calci piazzati), la serata ha registrato l’ennesimo, vergognoso episodio razzista: fischi e ululati in direzione di Kevin Constant, uno dei giocatori della compagine rossonera.

Il tutto è avvenuto nel corso del terzo tempo, quello finale, tra i padroni di casa e la squadra meneghina: prima poco percepiti, poi sempre più chiari, finché il giocatore francese ha scagliato il pallone verso la tribuna occupata dai “tifosi” del Sassuolo, e ha lasciato il campo. L’allenatore del Milan, Massimiliano Allegri, ha così optato per la sostituzione, ma il caso era ormai piuttosto evidente. L’arbitro, Andrea Gervasoni, ha detto dopo il match: «Ci sono stati cori razzisti e Constant ha chiesto il cambio, e poi lo speaker ha fatto il solito annuncio».

A norma di regolamento Fifa – Uefa, se Constant avesse lasciato il campo senza però chiedere la sostituzione avrebbe rischiato l’espulsione, ma ciò non è avvenuto, avendo chiesto la sostituzione. È pur vero però che Gervasoni, non ascoltando gli insulti diretti al giocatore, non ha interrotto la gara, come la fattispecie richiedeva, ma i presenti sulle tribune sono stati invitati a desistere dai loro ignobili intenti solo con il consueto messaggio audio.

Insomma, una leggerezza – volontaria o meno che fosse – dell’arbitro, e i facinorosi l’hanno avuta ancora una volta vinta, insultando non solo un giocatore per il colore della sua pelle, ma anche e soprattutto l’intero mondo del calcio, che sempre più spesso è vittima dell’ignoranza che uccide la bellezza sportiva.

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews