VIDEO Stella Rossa – Partizan, scontri tra tifosi al derby di Belgrado

In campo finisce 0-0, lo 'spettacolo' è solo quello degli scontri tra tifosi: i video della bolgia prima di Stella Rossa - Partizan, derby di Belgrado

Lo chiamano večiti derbi - derby eterno – per la rivalità secolare tra le due squadre della capitale serba. Ma Stella Rossa – Partizan è uno dei veri e propri inferni calcistici in terra, ed anche la partita di ieri ha tenuto fede alla propria fama: il derby di Belgrado si è guadagnato gli onori delle cronache più per il clima a dir poco incandescente del pre-partita che per lo spettacolo in campo. Se il risultato del Marakana è stato uno scialbo 0-0, ben diverso è stato il bollettino degli scontri tra tifosi e polizia: oltre 50 feriti ed almeno 40 arresti. I video della bolgia infernale all’esterno dello stadio ed all’interno della struttura sono impressionanti.

DERBY DI BELGRADO, PASSIONE E VIOLENZA – Stella Rossa – Partizan è un derby ad altissimo tasso adrenalinico, in campo e fuori. Le quasi 180 partite passate (con la Stella Rossa in netto vantaggio nel computo complessivo delle vittorie) sono state un fiorire di gol, ma anche e soprattutto spettacolo e scontri tra tifoserie:  da un lato i grobari,  i “becchini” del Partizan, dall’altro i delije, “eroi” della Stella Rossa. Nel derby di Belgrado del 30 ottobre 1990 un razzo lanciato dagli spalti occupati dai tifosi del Partizan uccise un tifoso diciassettenne della Stella Rossa. Ieri se non c’è scappato il morto è stato un vero e proprio miracolo.

Come mostra il video, la bolgia è iniziata prima della partita, con i tifosi del Partizan impegnati in lanci di fumogeni (e non solo) contro la polizia serba. Volano le prime cariche, manganellate ed arresti. Una volta entrati nello stadio, accade il peggio. L’arbitro fa slittare l’inizio del derby di Belgrado di 45 minuti perché sugli spalti volano sediolini, fumogeni e colpi proibiti. I tifosi di Stella Rossa e Partizan sembrano entrare a contatto nella parte bassa della tribuna, prima che un intervento della polizia separi le due fazioni.

LANCI DI SEDIOLINI E FUMOGENI - La battaglia prosegue poi con gli agenti di polizia come obiettivo primario: i pochi steward presenti allo stadio si tengono ben alla larga dagli scontri corpo a corpo e dai lanci di sediolini sradicati. I tifosi prendono di mira gli agenti in tenuta antisommossa e li sommergono letteralmente sotto una pioggia ininterrotta di fumogeni e sedute di plastica. Almeno 20 poliziotti dovranno ricorrere alle cure dei sanitari a fine partita. L’arbitro, dopo il ritardo di 45 minuti del fischio d’inizio, sospenderà la partita per altri 7 minuti a causa di lancio di fumogeni. Lo 0-0 finale è l’unica cosa che mette tutti d’accordo. Assieme alle cariche contro la polizia, s’intende.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews