VIDEO Quando il “selfie” diventa una malattia: la storia di Danny

Danny è un ragazzo inglese di diciannove anni che ha tentato più volte il suicidio perché ossessionato dal selfie perfetto

Londra – Si chiama Danny Bowman, ha diciannove anni e recentemente ha tentato il suicidio. Ha abbandonato la scuola e gli amici, è rimasto chiuso in casa per sei mesi. Perché? Perché era dipendente dai selfie.

QUANDO IL SELFIE SI TRASFORMA IN OSSESSIONE – In una intervista rilasciata alla stampa britannica, Danny dichiara di essersi quasi rovinato la vita per la sua ossessione, i selfie. Il giovane trascorreva intere giornate cercando di ottenere il selfie perfetto. Così è arrivato a non andare più a scuola e a perdere tutti gli amici, stufi di vederlo sempre con i suoi dispositivi elettronici a farsi autoscatti che poi non gli piacevano mai, e la frustrazione per il mancato raggiungimento della perfezione gli ha fatto pensare più volte al suicidio.

Ora Danny è riuscito a passare oltre la sua ossessione, ma dice

Potrebbe capitare a chiunque. Nel mio caso la mania si manifestava in selfie, ma potrebbe essere diverso per altri. Volevo solo stare bene con me stesso

Danny ha raccontato anche di aver voluto disperatamente commenti positivi ai selfie che postava sui propri profili social.

Danny Bowman selfie dipendente

Danny Bowman

L’USO CORRETTO DEI SOCIAL – L’utilizzo scorretto dei social network e, in generale, di internet da parte degli adolescenti e dei giovani è uno dei più gravi problemi che l’era digitale abbia portato con sé. In particolare, l’ossessione dei selfie è molto diffusa tra i ragazzi e sembra voler comunicare messaggi del tipo «guardate come è eccitante la mia vita», per nascondere invece i dubbi, le debolezze e la fragilità che l’adolescenza porta naturalmente con sé. Se si dovesse tener fede all’immagine che di loro vogliono dare i teenager attraverso i selfie, non si evincerebbe altro che una grande bellezza esteriore – finta – e una infinita vuotezza interiore – reale – .

Secondo gli esperti, il caso di ossessione da selfie di Danny non è isolato: la dipendenza da selfie si è diffusa a macchia d’olio tra i giovani e rappresenta, per gli addetti ai lavori, una vera e propria malattia mentale.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews