VIDEO – Crisi Milan, la contestazione dei tifosi

bologna-milan-live_allegri

Massimiliano Allegri, sempre più in bilico (milanotopnews.it)

Milano – La crisi del Milan sembra non avere fine. E ora è scoppiata anche la pesante contestazione dei tifosi. La goccia che ha faqtto traboccare il vaso è stata l’ennesima prestazione sottotono dei rossoneri, nel match di ieri sera a San Siro contro il Genoa.

IL MATCH – Un pareggio per 1 a 1 che ha visto la squadra allenata da un Allegri sempre più in bilico andare in vantaggio con Kakà per poi farsi rimontare dai liguri con Gilardino su rigore: ha colpito l’impotenza tattica del Milan e l’incapacità dei rossoneri di tornare in vantaggio nonostante il Genoa abbia giocato per più di un tempo in 10 uomini. Ciliegina sulla torta di una serata da dimenticare, l’errore dal dischetto di Mario Balotelli, il secondo della stagione dopo il rigore sbagliato contro il Napoli.

LA CONTESTAZIONE – La rabbia contestazione dei tifosi è inizata con cori durante il riscaldamento della squadra. Oltre ai cori, numerosi gli striscioni mirati apparsi nel corso della partita: da frasi molto arrabbiate come “Mai un Milan così disastrato, la nostra storia avete infangato”, “E’ finita la nostra pazienza, fuori i c****** mister e dirigenza”, “False promesse, prese per il c*** la pazienza è finita, pietà per nessuno”,  a striscioni più scherzosi “Mister: per come gioca la squadra c’è poco da stare Allegri”.

Cori e striscioni si sono susseguiti anche durante il corso della partita, prendendo di mira anche la ventilata successione ai vertici della società tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi. Oggetto delle proteste anche alcuni giocatori come ad esempio Kevin Constant, al centro di alcune voci che lo accusano di eccessivo divertimento notturno a fronte di uno scarso impegno in allenamento.

IL COLLOQUIO CON KAKA’ E ABBIATI – Terminata la partita,  la protesta si è spostata fuori dallo stadio. 400 ultras rossonero hanno aspettato la squadra fuori dalla porte di San Siro. Fortunatamente gli animi si sono calmati dopo che Kakà e Abbiati, forse gli unici giocatori acclamati dagli ultras rossoneri, sono usciti a colloquio con i capi della curva. Una contestazione che potrebbe essere solamente rimandata di qualche giorno, soprattutto se martedì sera il Milan non dovesse battere il Celtic nella sfida di Champions League fondamentale per il passaggio del turno.

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews