VIDEO 25 aprile, Giornata mondiale contro la malaria

Non solo liberazione d'Italia: il 25 aprile è anche la Giornata mondiale contro la malaria, una malattia che uccide un bambino ogni sessanta secondi

Il 25 aprile non solo è l’anniversario della liberazione e festa nazionale per noi italiani ma anche una data importante nella lotta a una malattia ancora pericolosa nel mondo: la malaria.

MUORE UN BAMBINO AL MINUTO – La malaria è una parassitosi causata da parassiti del genere Plasmodium e diffusa dalle zanzare femmina Anopheles. Per capire la gravità di questa malattia e il perché della Giornata mondiale contro la malaria, basti pensare che ogni sessanta secondi un bambino muore nel mondo per sua causa. Inoltre, quei pochi bambini che riescono a salvarsi – circa il 7% – restano affetti da disturbi gravi come epilessia o cecità. In Africa moltissime popolazioni sono a rischio malaria e a proteggerle cercando di eliminare la malattia ci sono moltissime onlus oltre a Medici Senza Frontiere.

PROGRESSI IN ATTOTiziana Fattori, direttore di Plan Italia onlus, ha dichiarato: «Non dobbiamo rovinare i notevoli progressi compiuti negli ultimi anni nella lotta contro la malaria e dobbiamo trovare nuovi meccanismi di finanziamento, se vogliamo evitare la recrudescenza della malattia e contribuire a salvare la vita di tre milioni di bambini africani entro il 2015».

MEDICI SENZA FRONTIERE – A volte anche solo l’apporto di zanzariere funzionanti può salvare la vita. Medici Senza Frontiere si pone l’obiettivo di debellare la malaria nel tempo con una serie di azioni come l’utilizzo del trattamento appropriato, una distribuzione, come detto, di zanzariere, la profilassi delle donne incinta e la chemioprofilassi. Il trattamento in questione è l’Smc, la chemioprofilassi antimalarica stagionale, che ha già dato risultati incoraggianti.

L’IMPORTANZA DELLA CAMPAGNA DI MASSA – Come affermato dal vice responsabile del programma Medici Senza Frontiere in Niger, Severine Ramon: «La profilassi Smc non è una cura miracolosa. È un’azione preventiva, complementare ad altre nel quadro delle strategie preventive e curative della malaria». Una malattia che colpisce maggiormente i bambini al di sotto dei cinque anni che vivono in condizioni igieniche precarie, coma spiega Ramon:«La malaria e la malnutrizione rappresentano un mix letale nei bambini di meno di cinque anni. Come è stato fatto nel 2013, approfitteremo di questa campagna di massa per prevenire e occuparci in modo precoce dei bambini molto malnutriti, così come dei casi di malaria accertati. Questo permette di rafforzare l’impatto della Smc sulla salute dei bambini piccoli».

Gian Piero Bruno

@GianFou

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews