Viagra, guerra tra aziende per brevetto in scadenza

Corsa al brevetto per produrre e commercializzare il Viagra

Roma – Il brevetto sul citrato di sirdenafil, depositato negli Stati Uniti d’America nel 1996, sta per scadere anche in Italia, e le aziende farmaceutiche tenteranno un assalto per poter produrre uno dei medicinali più noti in commercio: il Viagra.

La pillola blu, che cura i problemi di disfunzioni erettili nella popolazione maschile, ogni anno produce ricavi nel solo panorama italiano per oltre 70 milioni di euro, a fronte di una spesa mondiale pari a circa 2 miliardi di dollari (l’Italia, da sola, è responsabile del 3% dei ricavi) una somma che fa gola a molti, e che quindi scatenerà una corsa al brevetto senza precedenti. La maggiore commercializzazione del prodotto, in ogni caso, porterebbe benefici non solo ai produttori, ma anche ai consumatori, che vedrebbero il prezzo scendere in maniera significativa.

Le pasticche di Viagra sono attualmente vendute in confezioni da 4 pezzi per un prezzo, indicativo, di 53 euro (13,25 euro a pasticca), ma il prezzo potrebbe scendere fino al 40% se, come è prevedibile, il brevetto verrà messo a disposizione di più case, e, con nomi diversi, la commercializzazione diventerà sempre più forte grazie alla concorrenza.

Nel frattempo, però, la Pfizer approfitta di questa corsa alla pasticca aumentando i prezzi, incurante però della possibilità, per l’utilizzatore finale, di ricorrere a medicamenti alternativi come ad esempio il Cialis. Proprio sul rapporto tra queste due “pillole della felicità” si concentrano le parole del dottor Vincenzo Gentile, primario dell’Umberto I di Roma, che ha posto l’accento sulle differenze cliniche dei prodotti e ha dichiarato, a proposito della diffusione del Viagra: «Noi medici abbiamo dovuto vincere la tentazione di cavarcela davanti ai problemi erettili prescrivendo la pillola. Così si rischia di non vedere le disfunzioni reali».

Stefano Maria Meconi

@_iStef91

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews