Versare il Tfr in busta paga: come funziona, a chi conviene, le tasse

Tfr in busta paga: breve guida per capire come funziona, a chi conviene e come variano la tasse al variare del reddito lordo

tfr-in-busta-paga-come-funziona-tassazione- chi

Tfr in busta paga: breve guida alla riforma della busta paga (wdonna.it)

Una riforma controversa, pensata per correggere parzialmente un’anomalia italiana (il Trattamento di fine rapporto non esiste in nessuna nazione europea), ma soprattutto per spingere i consumi. La possibilità – non obbligo – di trasferire parte del Tfr in busta paga sta facendo discutere molto, nel bene e nel male. Ma di cosa si tratta e che cosa succederà a chi opererà questa scelta? A chi conviene? La tassazione cambierà? Ecco alcuni quesiti a cui si può rispondere in merito all’operazione Tfr in busta paga contenuta nella Legge di Stabilità 2015.

A CHI È RIVOLTA? - La possibilità di ricevere parte del Tfr in busta paga è volontaria e non obbligatoria. La platea a cui si rivolge è quella di tutti i dipendenti privati che siano stati assunti da almeno sei mesi. Esclusi i collaboratori domestici, i lavoratori agricoli e i dipendenti di aziende in crisi. Orientativamente, ne potranno usufruire traendo vantaggi – o in cambio di tassazione minima – gli stessi che hanno usufruito del bonus da 80 euro: titolari di redditi che non superino i 24-26 mila euro annui. Poi, più il reddito sale, più la tassazione sul Tfr in busta paga aumenta. Vedremo dopo di quanto.

DA QUANDO SARÀ OPERATIVA LA RIFORMA E QUAL È LA QUOTA DI TFR IN BUSTA PAGA CHE VIENE VERSATA? - La misura è sperimentale ed entrerà in vigore da marzo 2015, con effetto retroattivo a gennaio, per terminare il proprio periodo di sperimentazione nel giugno 2018. Una volta effettuata la scelta, non può essere revocata per 3 anni. La quota del Tfr che può essere anticipata in busta paga è quella che si matura mese per mese. I soldi vengono anticipati mensilmente e versati in busta paga, non in un’unica soluzione.

tfr-in-busta-paga

Il Tfr in busta paga conviene fino ai redditi lordi di 28.650 euro. Oltre la soglia, si pagano molte più tasse (su24.it)

ESEMPI E TASSAZIONE - La norma sarà accompagnata prossimamente da un decreto attuativo che ne spiegherà meglio i termini. Comunque, come riportato dal «Corriere della Sera», versare il Tfr in busta paga “conviene” o comunque non espone ad un aumento sostanzioso di tassazione a coloro che percepiscono redditi fino a 28.650 euro lordi l’anno. Ad esempio: chi ha uno stipendio annuale di 24 mila euro lordi (circa 1.500 euro netti mensili per 13 mensilità), ogni mese accantona poco più di 100 euro di Tfr da aggiungere alla busta paga. Il prelievo del Fisco verrà fatto su questa somma aggiuntiva applicando le aliquote Irpef ordinarie. Sarà quindi di sicuro conveniente per i lavoratori con un reddito fino a 15 mila euro lordi (tassazione del Tfr in busta paga identica a quella del Tfr a fine trattamento lavorativo: 23%), mentre ci sarà un aggravio fiscale per tutti coloro che vanno oltre questa cifra.

Su un reddito di 20 mila lordi l’anno, l’anticipo del Tfr in busta paga su base annuale sarebbe di 1.008 euro (84 euro al mese), rispetto ai 1.058 di Tfr netto annuale  che verrebbe invece accantonato. Per i redditi dai 15 mila euro lordi ai 28.650, il divario di imposizione appare quindi ampiamente sostenibile (50 euro in più di imposta l’anno). Oltre la soglia dei 28.650, la richiesta di anticipo è tassata al 38%, cioè circa 300 euro di tasse in più all’anno. La tassazione aumenta all’aumentare del reddito: chi guadagna 90 mila euro lordi, ad esempio, dovrà pagare 568,50 euro in più di tasse.

In attesa del decreto attuativo, il ministro dell’Economia Padoan ha spiegato che il Tfr in busta paga non dovrebbe essere conteggiato come parte del reddito, rischiando così’ di escludere alcuni lavoratori dal famoso bonus degli 80 euro.

Redazione

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews