Venezuela, Chavez presidente. Per la quarta volta

hugo chavez presidente

Il presidente del Venezuela, Hugo Chavez

Caracas - Col 54.42% dei voti Hugo Chavez è presidente del Venezuela. Il risultato dello scrutinio del 90% dei voti è chiaro ed ancora una volta dà ragione al fautore della «rivoluzione bolivariana»: lo sfidante, Enrique Capriles Radonski, ha raccolto un 45%, insufficiente per scavalcare il leader incontrastato del Paese dal 1998. Ma se la vittoria per Chavez era assicurata, lo stesso socialista aveva ammesso che non sarebbe stata comoda: mai prima d’oggi la poltrona ha traballato così tanto.

Chavez o Capriles? Le elezioni del 7 Ottobre hanno conosciuto un alto tasso di indecisi. L’incertezza che ha dominato, secondo i sondaggi, l’andamento delle presidenziali venezuelane di quest’anno può essere imputato a due fattori: la presenza inedita di un avversario in grado di fronteggiare il carismatico e populista ex-militare ed un candidato, Chavez, i cui limiti sono sempre più palesi. Così dell’imponente 80% dei venezuelani che si è recato alle urne, “solo” il 54% ha votato per il leader del socialismo democratico; un buon risultato da sé, un conteggio sul quale riflettere amaramente, se comparato ai successi agguantati anni addietro. Nel 2006 Chavez aveva raggranellato quasi il 63%; il 2000 lo aveva eletto col 59,76% e andando ancor più lontano nel tempo il candidato del 1998 aveva raggiunto il 56,20%. A ragione si può parlare, quindi, di un calo di consensi graduale ma netto nei confronti del suo elettorato, a dimostrazione dell’esistenza, tra i Chavisti, di un settore evidentemente sempre più scontento dell’operato del proprio politico di riferimento nonché del governo.

Eppure Hugo Chavez ha vinto, per la quarta volta. Il suo popolo l’ha rieletto e, con un mandato della durata di sei anni, gli ha affidato nuovamente le redini del Venezuela. Un ventennio al potere, dunque, problemi di salute permettendo, perché da tempo il guerriero del «socialismo del XXI secolo» lotta con il cancro. I segni della battaglia, però, non ha voluto inficiassero la sua campagna elettorale: di tumore non si deve parlare e l’elettorato va rassicurato attraverso un’ immagine fresca e giovanile. «Giuro che vivrò e vi accompagnerò verso nuove vittorie» ha assicurato il rivoluzionario a partita chiusa; lo stesso che però aveva ammesso di non esser più un cavallo sfrenato ma un bufalo, e certo non immortale. Le sorti dell’anti-imperialismo made in USA sono tali da alimentare ipotesi su di una sua precoce scomparsa, politica o terrena, e porre interrogativi su chi potrebbe prendere il posto del dittatore.

Il socialismo Bolivariano, comunque, per il momento prosegue il suo cammino. L’avversario all’opposizione Capriles si è congratulato col presidente eletto che ha festeggiato il suo Grande Venezuela tweettando: «Gracias a mi amado pueblo!!!Viva Venezuela!!!Viva Bolìvar!!!». Sempre via twitter l’anti-imperialista aveva spronato i suoi connazionali a votare, sostenendolo in quella che aveva definito “battaglia”.

hugo chavez venezuelaLa vittoria di Chavez alle presidenziali di Ottobre è stata seguita con attenzione anche a livello internazionale: da Washington, ad esempio, sono giunti rallegramenti per il modo pacifico in cui si sono svolte le elezioni, che hanno visto una grande affluenza alle urne tra i venezuelani. Resta, però, una conferma, insita nell’ennesima presidenza dell’ex colonnello: le relazioni tra Washington e Caracas continueranno a d essere caratterizzate da tensioni, che neppure gli scambi commerciali tra i due paesi possono arginare.

Valentina Medori

Foto | Flickr ufficiale  *Fotografía/Prensa Miraflores* , http://farm9.staticflickr.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews