Vaticano contro la campagna con bacio tra Papa e Imam: Benetton la ritira

ROMABenetton ha deciso in serata di ritirare immediatamente la pubblicità con l’immagine del bacio tra il Papa e l’Imam di Al Azhar, nell’ambiento della campagna mondiale Unhate, dopo che il Vaticano aveva definito innaccetabile l’uso improprio dell’immagine del Pontefice. «Ribadiamo che il senso di questa campagna è esclusivamente combattere la cultura dell’odio in ogni sua forma – dichiara un portavoce della Benetton -. Siamo perciò dispiaciuti che l’utilizzo dell’immagine del Papa e dell’Imam abbia così urtato la sensibilità dei fedeli. A conferma del nostro sentimento abbiamo deciso con effetto immediato di ritirare questa immagine da ogni pubblicazione».

 

Il Vaticano non intende commentare ulteriormente la vicenda della campagna pubblicitaria promossa da Benetton, giudicata gravemente offensiva dell’immagine del Papa, anche se si attende di vedere se le immagini con il Papa compariranno o meno in pubblico.

A Milano e a Roma era cominciata in mattinata la ‘guerriglia marketing’. Nella Capitale, poco dopo le 8, era stato srotolato su Ponte dell’Angelo, a pochi passi dal Vaticano, un manifesto con l’immagine del bacio tra il Papa e l’Imam de ‘Il Cairo’. Blitz anche a Milano con due eventi separati, prima di fronte alla Borsa e poi a Piazza Duomo, questa volta i protagonisti sono il presidente americano Barack Obama e il suo omologo cinese, Hu Jintao.

 

La nuova campagna ‘politically uncorret’ di Benetton vuole essere un invito «ai leader e gli abitanti del mondo a combattere la ‘cultura dell’odio’ e dà vita alla Fondazione Unhate», spiegava una nota del gruppo di Ponzano, dove si ricorda che «gli odi non cessano mai grazie all’odio, cessano grazie al non-odio».

Nel pomeriggio la reazione del Vaticano: «Bisogna esprimere una decisa protesta – si legge in una dichiarazione di padre Federico Lombardi, direttore della Sala stampa della Santa Sede – per un uso del tutto inaccettabile dell’immagine del Santo Padre, manipolata e strumentalizzata nel quadro di una campagna pubblicitaria con finalità commerciale».

 

«Si tratta di una grave mancanza di rispetto per il Papa – prosegue la nota – di un’offesa dei sentimenti dei fedeli, di una dimostrazione evidente di come nell’ambito della pubblicità si possano violare le regole elementari del rispetto delle persone per attirare attenzione per mezzo della provocazione». Mentre in serata il direttore della Sala stampa della Santa Sede annunciava che «la Segreteria di Stato sta vagliando i passi da fare presso le autorità competenti per garantire una giusta tutela del rispetto della figura del Santo Padre». A seguire la decisione della Benetton di ritirare immediatamente la pubblicità che ha creato tante polemiche.

Natalia Radicchio

Foto| via www.siciliainformazioni.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews