Ucraina, Onu: almeno 3000 morti. L’Ue pronta per nuove sanzioni

Secondo l'Alto Commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite i combattimenti in Ucraina hanno causato oltre 3000 morti. L'Ue prepara nuove sanzioni

ucrainaOltre 3mila morti. Sono queste le cifre rese note dall’Alto commissario dell’Onu per i diritti umani Zeid Al Hussein in relazione alla crisi ucraina. E probabilmente si tratta solo di una cifra provvisoria. Secondo quanto riferito da Ivan Simonovic, portavoce del commissario, le cifre pubblicate sono basate su ricerche parziali, condotte solamente nelle zone in cui è stato possibile. Il numero definitivo, quindi, potrebbe essere di gran lunga superiore.

PROTEZIONE AI CIVILI – Nel suo intervento di fronte al Consiglio dei diritti umani dell’Onu, Al Hussein ha espresso forte preoccupazione per la crisi in atto, appellandosi ad entrambe le parti affinché venga garantita la protezione dei civili. Oltre ad un numero elevatissimo di morti, i bombardamenti hanno difatti causato un vero e proprio esodo. Secondo fonti russe, sono 100mila i rifugiati che ad oggi hanno attraversato il confine in direzione di Mosca

NUOVE SANZIONI – Nel frattempo, nonostante la seppur fragile tregua, l’Unione Europea è pronta ad adottare nuove sanzioni contro la Russia. Secondo Pia Ahrenkilde-Hansen, portavoce della Commissione Europea, le misure verranno adottate nella giornata di oggi, ma ancora non ne sono stati resi pubblici i destinatari. Tuttavia, fonti giornalistiche hanno inquadrato  le compagnie energetiche Rosneft e Gazprom come i principali bersagli delle misure. Il presidente del Consiglio Europeo, Herman Von Rompuy, ha dichiarato che l’Unione potrebbe ritirare il piano di sanzioni solamente «se il cessate il fuoco si dimostrerà duraturo, e se inizieranno le trattative per la conclusione del conflitto»,

CHIUSURA SPAZIO AEREO – L’incombenza di nuove sanzioni ha portato all’immediata reazione da parte di Mosca. «Le sanzioni contro la Russia avranno conseguenze politiche – ha affermato il premier Medvedev –  e questo sarà più pericoloso delle restrizioni imposte sulle forniture». La Russia ha già dichiarato che, dal momento in cui le sanzioni diverranno effettive, chiuderà lo spazio aereo sul proprio territorio per i voli provenienti dall’Unione.

Carlo Perigli
@c_perigli

foto: journal-neo.org

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews