Twitter si prepara per l’ingresso in borsa, ipo da un miliardo

www.wired.it

(www.wired.it)

ROMATwitter sbarca in borsa. Il sito del cinguettio ha pubblicato il suo prospetto per la quotazione, depositandolo alla SEC (Securities and Exchange commission) per l’ufficialità. In realtà la volontà di compiere il passo era stata annunciata già dal mese di settembre, tramite un post nel suo stesso social.

Per questo motivo è stata richiesta la messa in mostra dei suoi conti pubblici. Da questi si evince che gli utenti e i ricavi sono in crescita da anni, ma nonostante ciò nel suo complesso la società è, contro tutto ciò che si potrebbe pensare, in rosso.

Nel 2012 gli incrementi sul fatturato sono stati di 317 milioni di dollari, contro i 106 circa registrati nel 2011, ma la stima sulle perdite si aggira intorno ai 79 milioni di dollari, oltre ai 69,3 milioni registrati solamente nei primi 6 mesi del 2013.

Nella pubblicazione non sono state specificate quante azioni saranno vendute né il prezzo potenziale, o tanto meno il valore stimabile della società. Tuttavia secondo gli analisti la documentazione presentata suggerisce una valutazione complessiva di 12,8 miliardi di dollari, destinata a salire prossimamente fino a 15 miliardi.

L’offerta pubblica iniziale (Ipo), vale a dire la cifra che l’azienda punta a raccogliere, è di 1 miliardo di dollari. La somma potrebbe cambiare durante il periodo del roadshow, la presentazione agli investitori, ma dopo di esso si dovrà fissare il prezzo definitivo. Il tempo a disposizione per questo passaggio è di 3 settimane, per cui vi è la probabilità che già dalla fine di ottobre i titoli entrino in attività a Wall Street . In ogni caso c’è anche chi ipotizza uno slittamento fino al prossimo anno, o chi prevede una partenza nel Giorno del Ringraziamento, alla fine di novembre.

Non viene specificato neppure il listino sul quale avverrà la quotazione. L’offerta sarà però gestita da numerosi partner comprendenti società di investimenti e importanti istituti bancari, quali Goldman Sachs, Morgan Stanley o Deutsche Bank. Il simbolo sarà TWTR, e verrà catalogato in qualità di media e tech company. Non sono previste due tipologie di azioni, che dividano cittadini contro fondatori e alti dirigenti, ma un unico tipo il cui valore si aggirerebbe, sempre secondo stime anticipatorie, tra 28 e 30 dollari.

(www.tecnocino.it)

Rispetto a Facebook l’approdo in borsa avverrà in maniera più cauta, e ciò è dovuto al timore di rivivere lo stesso flop verificatosi per il gruppo fondato da Zuckemberg, che dalla sua entrata nel maggio del 2012 è riuscito solamente negli ultimi mesi a superare il prezzo fissato nella Ipo di 38 dollari per azione .

Twitter, con un deficit totale di 418 milioni di dollari, risulta un azienda che fatica a trovare profitto. Pesano molto sul bilancio le acquisizioni come il servizio social tv bluefin (dal costo di 67 milioni) o l’app crash reporter Crashlytics (40 milioni), oltre ad un aumento del numero complessivo dei dipendenti (che ha raggiunto quota 2 mila unità in tutto il mondo).

Nonostante i suoi problemi però ciò che aumenta è la base di utenti attivi, 218 milioni alla fine dello scorso giugno, 85 milioni in più rispetto all’anno precedente. Per i profitti futuri si guarda molto alla vendita di spazi pubblicitari su dispositivi mobile, in netta crescita, e dal quale proviene il 65% del fatturato.

Negli ultimi anni, con l’introduzione del cinguettio all’interno dei nostri cellulari e dentro le nostre vite, Twitter si è posta l’obiettivo di rivoluzionare la comunicazione e i rapporti tra le persone. Personaggi come Papa Francesco e Barack Obama hanno fatto transitare le loro dichiarazioni più significative attraverso il social dell’uccellino azzurro. Ora però, dopo i vari investimenti, è arrivato per la società il momento di orientarsi verso il guadagno. E di distanziarsi dall’immane chiacchiericcio dei suoi tweet.

Francesco Gnagni

Foto: www.wired.it, www.tecnocino.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews