Twitter: guerra ai copioni, protetto il diritto d’autore

Riconosciuto il diritto d'autore sui tweet, il social network cancellerà tutte le copie che non riportano la fonte. Tempi duri per i copioni su Twitter

twitter

Tempi duri per i “ladri di fantasia” su Twitter. Con il riconoscimento della proprietà intellettuale sui tweet dovranno far affidamento solamente alle loro forze per fare colpo (foto: squarespace.com)

Avete una scarsa fantasia combinata con una spropositata voglia di farvi notare sui social? Rubate senza il minimo rimorso battute e pensieri dagli altri utenti fingendo che siano vostri? Ecco, allora abbiamo delle pessime notizie per voi, perchè da oggi, almeno su Twitter, dovrete iniziare a spremervi le meningi. Il social di San Francisco ha difatti stabilito il riconoscimento del diritto d’autore sui tweet, garantendo così la possibilità di vedere cancellati, su richiesta del legittimo ideatore del cinguettio, i post evidentemente copiati e nei quali non viene citata la fonte.

IL PRIMO CASO DI COPYRIGHT SU TWITTER – Come riportato da ‘The Verge’, il primo utente a sollevare il problema della proprietà intellettuale su Twitter è stata la scrittrice freelance di Los Angeles, Olga Lexell, che per lavoro scrive barzellette ed era stanca di vedere il proprio “prodotto” rimbalzare sul popolare social network senza che la fonte venisse riportata. Twitter ha così accolto la richiesta della Lexell, riconoscendole la proprietà intellettuale sui 140 caratteri e disponendo la cancellazione di tutti i “cinguettii” copiati.

TUTELATI FOTO E VIDEO – Ad essere precisi però, il caso di Olga Lexell è piuttosto raro, considerato che la maggior parte delle segnalazioni per violazione di copyright che arrivano a Twitter riguardano gli allegati, come foto o video, o i link a siti che contengono materiale protetto dal diritto d’autore, come ad esempio i contenuti multimediali. Centoquaranta caratteri sono effettivamente pochi per esprimere pensieri – barzellette a parte – degni di protezione, e non a caso i tweet che solitamente spopolano nel grande pubblico – si pensi a quelli mostrati in una puntata qualsiasi di Gazebo – sono certamente unici, ma decisamente tutt’altro che geniali.

Carlo Perigli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews