Tunisia, attacco terroristico Sousse: forse 4 vittime italiane

Tunisia
Sono passati solo tre mesi dalla strage del Bardo a Tunisi dove 23 persone persero la vita, oggi la Tunisia si trova ad affrontare un nuovo attentato terroristico.

L’ATTENTATO – Intorno alle 12 di questa mattina è partito l’attacco a due Resort di Sousse, un paradiso di spiaggia bianca e mare cristallino a 140 km da Tunisi. Gli uomini del commando sono arrivati sulla spiaggia e hanno freddato a copi di kalashnikov gli ospiti dei Resort Imperial Marhaba Hotel e Soviva. Gli attentatori erano due: uno di loro è stato ucciso durante la sparatoria con le forze armate tunisine, l’altro è in fuga. Secondo le prime testimonianze i due sarebbero arrivati su una barca dal mare e proprio da lì avrebbero iniziato a sparare all’impazzata contro i turisti. Gli spari sono stati avvertiti anche nelle strutture vicine generando panico tra turisti e staff. Non sembrano esserci italiani tra le persone coinvolte, i morti sarebbero almeno 28, tra loro inglesi e tedeschi. I servizi di intelligence italiani sono in uno stato di massima allerta, in una giornata davvero difficile sul piano terroristico: oltre alla Tunisia anche Francia e Kuwait sono state colpite in queste ore, tre attacchi su tre continenti differenti come fa notare la Cnn.

 

ACCERTAMENTI SU ITALIANI IN ZONA – Matteo Renzi dal vertice di Bruxelles: «L’unità di crisi della Farnesina con la consueta professionalità è già al lavoro per verificare l’eventuale presenza di nostri connazionali» e nelle prossime ore sarete informati e coinvolti direttamente dalla Farnesina». Alcune fonti citano quattro persone di nazionalità italiana tra le vittime ma al momento non ci sono conferme ne smentite dalla Farnesina che però ha esortato tutti gli italiani presenti in Tunisia ad allontanarsi dai luoghi affollati. Gli hotel non sono ancora stati evacuati, i superstiti sono stati invitati a restare in camera in attesa di ulteriori sviluppi.

SELFIE CON IL TERRORISTA - È polemica intanto per una foto apparsa sul web, il ‘selfie dell’orrore’, così è stato soprannominato: ritrae uno dei terroristi appena freddato fotografato da un poliziotto. Mentre gli altri attentatori erano ancora a piede libero, il poliziotto ha pensato bene di fermarsi a fotografare il terrorista e il suo kalashnikov in una pozza di sangue.

AGGIORNAMENTI ORE 18.30 – Nessuna smentita ne conferma ancora dalla Farnesia riguardo italiani tra le vittime dell’attentato. Arrivano intanto le prime dichiarazioni ufficiali delle autorità. Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi ha invocato una strategia globale: «Nello stesso giorno e nella stessa ora, sia la Francia che il Kuwait sono stati bersaglio di un attentato simile. E’ la prova che occorre una strategia globale e che tutti i paesi democratici devono unire le loro forze». Il ministro del turismo tunisino, invece, ha invitato la popolazione a restare unita, nonostante «l’attacco catastrofico» di oggi. I leader mondiali hanno espresso estrema vicinanza alla Tunisia, alla Francia e al Kuwait, oggi duramente colpiti dal terrorismo, Alfano ha annunciato che è stato alzato il livello di allerta in Italia, invitando però a non cedere alla paura.

Tunisi

Serena Prati
@Se_Prati

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews