Tumore al testicolo, boom di casi: +45% negli ultimi 30 anni

I casi di tumore al testicolo sono aumentati, negli ultimi 30 anni, del 45%. L' 88esimo congresso nazionale della SIU insegna come prevenire tale patologia

'Il Professor Urosapiens': Il primo cartoon italiano che insegna le regole di prevenzione del tumore ai testicoli (Repubblica.it)

‘Il Professor Urosapiens’: Il primo cartoon italiano che insegna le regole di prevenzione del tumore ai testicoli (Repubblica.it)

Casi di tumore al testicolo in drammatico aumento: i dati indicano una crescita pari al 45% negli ultimi trent’anni. In netto calo, al contrario, i tassi di mortalità derivante da tale patologia: nel 95% dei casi, infatti, la malattia – se diagnosticata in tempo – può essere facilmente curata. Questo il focus dell’88esimo congresso nazionale della Società Italiana di Urologia, in corso di svolgimento – e in prosecuzione fino al 13 ottobre – a Riccione. L’appuntamento mira a fornire un quadro informativo completo e dettagliato in merito agli strumenti di prevenzione e alle pratiche di prognosi preliminari, effettuabili autonomamente.

ESPLOSIONE DI CASI IN ITALIA – Il tumore del testicolo colpisce principalmente fra i 25 e i 49 anni, in piena età riproduttiva. In Italia, nel 2012, sono stati registrati oltre due mila casi; tra le concause: la mancata visita di leva – che ha sottratto i giovani alla diagnosi e cura di patologie del distretto uro-genitale – nonché la scarsa attenzione verso la manifestazione dei primi sintomi, rintracciabili sin dall’età pediatrica.

UN CARTOON PER IMPARARE L’AUTOPALPAZIONE – Al congresso verrà presentato, in esclusiva, un simpatico cartoon educativo; si tratta del Professor Urosapiens, un personaggio animato pensato proprio per insegnare a ragazzi – e non solo –  i “cinque tocchi” da compiere per effettuare un vero e proprio autoesame, attento e accurato, dei testicoli. È l’autopalpazione, infatti, la prima pratica salva vita, la più celere ed indolore tecnica di prevenzione. Abbassare il rischio di un tumore al testicolo significa, inoltre, allontanare le probabilità – fino al 12% – che si sviluppi un possibile tumore prostatico. «E’ importante – spiega Vincenzo Mirone, segretario senerale della SIU, Società Italiana di Urologia – sensibilizzare all’autopalpazione, insegnando a prestare attenzione a qualsiasi modifica possa verificarsi nell’anatomia o nella forma dello scroto e dei testicoli. Adulti e ragazzi dovrebbero conoscere dimensioni e aspetto “normali” dei propri testicoli, così da essere in grado di riconoscere qualunque alterazione. Le nostre regole e il cartoon sono il primo passo per una serie di iniziative sui tumori urogenitali».

L’IMPORTANZA DELLE VISITE PEDIATRICHE – «È fondamentale – continua ancora Mirone – che i genitori facciano controllare i bambini dal pediatra di fiducia, perché una correzione dell’eventuale discesa incompleta del testicolo entro il primo anno di vita riduce il rischio di cancro e facilita la diagnosi precoce del tumore». Uno sguardo attento, precoce e tempestivo al proprio corpo e a quello dei propri figli può davvero fare la differenza.

Antonietta Mente

@AntoMente

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews