Tre uomini africani rapiscono e stuprano una giovane disabile

Sequestrata e stuprata per trenta ore da tre giovani uomini africani. È la terribile vicenda di una ventenne disabile di Torino

L'ex Moi di Torino (www.torino.repubblica.it)

L’ex Moi di Torino (www.torino.repubblica.it)

TORINO – Vent’anni e disabile. Nonostante quello che si possa pensare, conduce una vita felice. Ma una mattina, mentre sta andando a scuola in autobus, incontra tre giovani che si mettono a chiacchierare con lei, la fanno ridere. Le sono piaciuti, li segue. Questo accade il 27 maggio: poi, per un giorno e mezzo, di questa giovane con problemi psichici non si sa più nulla. La famiglia avvisa la polizia, che comincia a cercarla. I genitori tentano di rintracciarla al cellulare: ma l’apparecchio squilla senza che nessuno risponda. Dopo un giorno e mezzo, la ragazza viene incrociata per strada da un amico di famiglia. La vede in mezzo ad un gruppetto di giovani africani che, accorgendosi dell’uomo che la fissa, la chiama e si avvia verso di loro, scappa abbandonandola sul marciapiede. La giovane donna non è in sé: viene portata all’ospedale. I medici dichiarano che è stata ripetutamente stuprata, di seguito per ore.

Un'altra immagine dell'ex villaggio olimpico di Torino (www.torinotoday.it)

Un’altra immagine dell’ex villaggio olimpico di Torino (www.torinotoday.it)

L’ARRESTO –  La ragazza disabile, interrogata dagli agenti in ospedale, ha raccontato di essere stata violentata ripetutamente da tre uomini, di cui uno che «assomiglia a un giocatore di serie A». Poi, come se non si trattasse affatto di un’esperienza vissuta personalmente, racconta di essere stata rinchiusa nei sotterranei di uno degli edifici del Moi, il villaggio olimpico di Torino che nel 2006 è stato occupato abusivamente da migliaia di extracomunitari. Gli investigatori si mettono al lavoro: pensando – a ragione – che un blitz negli edifici del Moi avrebbe sollevato una rivolta, si appostano in zona e scattano centinaia di fotografie ai giovani uomini del luogo, finché la ragazza non ne riconosce due che vengono subito arrestati. Alla fine, dopo ulteriori attese, appostamenti e foto, spunta fuori anche il terzo, anch’esso arrestato. Si tratta di due giovani classe 1986, un somalo e un ghanese – è quest’ultimo ad assomigliare sul serio ad un calciatore famoso -. Il terzo, trent’anni, è un nigeriano che era già stato espulso dal Paese l’anno scorso. Il pm Patrizia Gambardella, che si sta occupando del caso, ha accusato i tre di sequestro di persona e violenza sessuale di gruppo.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews