Trasporti. Caccia agli evasori e rimborsi rapidi: la bozza non convince

napoli autobus

Il capitolo Tpl del Testo unico scatena le polemiche delle associazioni dei consumatori. Asstra approva

RomaMulte fino a 60 volte il prezzo del biglietto ordinario e «comunque non superiore a 200 euro» . E’ questo uno dei punti più interessanti della bozza del Testo unico in materia di Trasporto pubblico locale (Tpl) su cui il ministro Marianna Madia ha annunciato il quasi varo. Manca la ‘bollinatura’ della Ragioneria di Stato, sostiene il ministro e la norma servirà a contenere le furberie di coloro che viaggiano senza biglietto.

Il resto lo espone il quotidiano di economia e finanza Il Sole 24 Ore: la misura non tenta solo di limitare il fenomeno dei ‘portoghesi’ del trasposto pubblico, vorrebbe anche evitarne i ritardi. Sicché se da una parte gli evasori rischiano sanzioni fino a 200 euro per mancato acquisto del titolo di viaggio, dall’altra i passeggeri potranno avvalersi di tempi più rapidi per il rimborso in caso di ritardi o corse cancellate.

La disposizione è a tutela soprattutto dei pendolari e il diritto di rimborso scatterà dopo 30 minuti di ritardo sull’orario previsto per mezzi cittadini; dopo 60 minuti per mezzi locali. In entrambi i casi, fanno eccezione ritardi causati da scioperi, calamità naturali o eventi imprevedibili.

CONTROLLI – Nella bozza di legge aumenta anche il numero di controlli su autobus, tram e metro. E qui si apre un nuovo capitolo di spesa. Le aziende locali, infatti, potranno avvalersi di «soggetti esterni qualificabili come agenti accertatori» ai quali verrà riconosciuto il titolo di «pubblico ufficiale» nei limiti del loro ruolo sul mezzo di trasporto.

Ad essi, il Ministero dell’Interno – spiega Il Sole 24 Ore – potrà mettere accanto agenti ed ufficiali che fungano da polizia giudiziaria a sostegno del ruolo degli agenti accertatori. I periodi di intensificazione dei controlli non saranno superiori ai tre anni e i costi di copertura saranno degli enti e delle società che faranno richiesta del servizio.

Novità anche sul fronte della videosorveglianza: le telecamere presenti sui mezzi e alle fermate potranno essere utilizzate per il riconoscimento e l’identificazione di tutti coloro che, sorpresi senza biglietto, non vorranno fornire le generalità. I video potranno essere trasmessi all’autorità competente.

COMMENTI – Vari i commenti pro e contro il disegno. Secondo Asstra, associazione imprese del servizio pubblico, il capitolo Tpl rappresenta un passo avanti per contrastare il fenomeno dell’evasione il quale causa buchi di bilancio di 400-500 milioni l’anno. Un 20% di introiti mancati che danneggiano il settore irrimediabilmente.

Massimo Roncucci, presidente Asstra saluta con favore il maggiore impiego di tecnologia per l’acquisizione di documenti al fine di scoraggiare l’evasione, ma si mostra scettico intorno alla riduzione dei tempi di rimborso per i passeggeri: «E’ giusto rimborsare se ci sono disagi quando però ciò è imputabile all’azienda, come un guasto, e non a fattori che noi non possiamo controllare».

Di ben altro tenore il Codacons che non la manda a dire: «Una misura ridicola» che non porterà alcun effetto. Continua il presidente Carlo Rienzi: i mezzi pubblici locali sono in stato pietoso, i disagi si moltiplicano, l’utenza è quotidianamente danneggiata; «Ovviamente siamo contrari a qualsiasi forma di evasione», ma di fronte a questo sfacelo – continua Rienzi – sarebbe stato più sensato pensare a qualche forma di potenziamento del servizio. Tanto più che le eccezioni ai rimborsi lasciano l’amaro in bocca a tanti utenti vessati da problemi tecnici di varia natura e scioperi delle categorie.

«Esistono linee di trasporto pubblico come la Roma-Lido nella capitale, dove i disservizi e i disagi sono così frequenti che gli utenti dovrebbero poter viaggiare gratis», conclude Rienzi.

Chantal Cresta

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews