Tokyo, lanciato nuovo allarme tsunami

Le immagini della tv giapponese

Tokyo -  L’agenzia di stampa nipponica Kyodo ha diffuso la notizia di un allarme tsunami lanciato dalla capitale sul Pacifico, a seguito di una scossa di terremoto del 7° grado della scala Richter che ha colpito il lato nord occidentale del Paese. Allertata la prefettura di Ibaraki.

Ancora paura ad un mese dal violento sisma che ha causato una devastante onda anomala ed una catastrofe nella centrale nucleare du Fukushima.

Si era tra il 10 e l’11 marzo e, nell’anniversario, il Giappone si è fermato per un minuto di silenzio. Alle 14.46 ora locale tutti hanno chinato la testa mantenendo un rispettoso silenzio, mentre la tv mostrava le immagini dei sopravvissuti, molti accorsi sui luoghi del disastro.

Il bilancio della catastrofe non è ancora definitivo: la polizia, dagli ultimi dati ufficiali, parla di oltre 13.000 morti accertati e più di 14.600 dispersi. A queste vittime si aggiungono le 151.000 persone ancora costrette nei rifugi di emergenza allestiti in 18 prefetture, dove sono carenti anche i beni primari (acqua e cibo) oltre ai servizi esseziali.

Molte amministrazioni locali, nelle prefetture di Iwate, Miyagi e Fukushima, hanno chiesto al governo di costruire 62.000 abitazioni temporanee: il ministero ha fatto sapere che ne sono in corso di allestimento circa 7.800, un numero irrisorio rispetto alle necessità reali.

In Giappone, l’emergenza non è ancora finita.

Redazione

foto via www.hynco.it; www.adnkronos.com

Intanto, il portavoce del governo giapponese, Yukio Edano, ha annunciato che l’esecutivo sta discutendo con i governo locali l’estensione da 20 a 30 chilometri dell’area di evacuazione attorno alla centrale di Fukushima. Edano ha dichiarato oggi che “il rischio di un peggioramento della situazione e di nuove massicce emissioni di materiale radioattivo si sta abbassando”. Tuttavia ha spiegato che vi è un rischio per il cumulo di radiazioni a cui vengono sottoposte le persone residenti fra i 20 e i 30 chilometri dalla centrale. “Anche se non vi sono nuove emissioni di sostanze radioattive – ha detto Edano – le radiazioni possono provenire dal terreno e ciò può influire sulla salute di chi si trova per lungo tempo nell’area colpita”.
Oggi, il capo della Tepco ha visitato oggi la sede del governo della prefettura di Fukushima per presentare la sue scuse alle autorità e popolazione. Ma il governatore locale, Yuhei Sato, ha rifiutato di incontrare Masataka Shimizu, l’uomo alla testa della società che gestisce la centrale nucleare di Fukushima. Lo ha riferito l’agenzia stampa Kyodo.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews