Sventata la compravendita di un bambino rumeno a Messina

Comprato in Romania e rivenduto a Messina per trentamila euro: la vicenda di un bambino rumeno di otto anni. Ma non si tratta di un caso così isolato

Bambini scomparsi, probabilmente finiti nel giro della tratta di minori in Italia (Fonte foto: www.blogtaormina.it)

Bambini scomparsi, probabilmente finiti nel giro della tratta di minori in Italia (Fonte foto: www.blogtaormina.it)

Messina – Una coppia che si ama non è mai perfettamente felice senza un figlio. E se decide di averne uno e poi scopre di non poterne avere, la questione diventa molto delicata. Molte coppie che si trovano in questa situazione, invece di seguire la procedura di adozione, a volte molto molto lunga e costosa, non esitano a servirsi di altri mezzi, spesso illegali, per ottenere quello che vogliono. È quanto è successo a Messina, dove una coppia ha pagato trentamila euro per “comprare” un bambino rumeno di otto anni.

LA VICENDA – Dalle prime ricostruzioni del Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina, la coppia sarebbe stata contattata da alcuni pregiudicati della zona che volevano “vendere” questo bimbo rumeno di otto anni e che a loro volta avevano “acquistato” in Romania a un prezzo irrisorio. I Carabinieri hanno fatto sapere di essere riusciti a sventare la compravendita dopo una lunga indagine che si è svolta tra la Toscana, dove uno dei malviventi aveva appoggi sicuri, e la Sicilia. Alle 10.30, comunque, si svolgerà una conferenza stampa durante la quale il Comando Provinciale dei Carabinieri di Messina svelerà i dettagli dell’indagine all’opinione pubblica.

Molti dei bambini utilizzati nella tratta di minori provengono dai Paesi dell'Africa (Fonte foto: www.iljournal.it)

Molti dei bambini utilizzati nella tratta di minori provengono dai Paesi dell’Africa (Fonte foto: www.iljournal.it)

Intanto i pregiudicati sono stati arrestati: le persone coinvolte sono otto, tutti indagati per associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù. Tra gli otto fermati ci sono anche due cittadini rumeni, presumibilmente quelli attraverso cui i pregiudicati hanno “acquistato” il bambino in Romania. Le otto persone indagate si trovano in carcere in attesa di essere ascoltati dal magistrato.

LA TRATTA DEI MINORI IN ITALIA – Secondo l’ultimo dossier di Save the children (2008) riguardo alla tratta dei minori in Italia, sarebbero quasi 55mila le vittime che hanno ricevuto assistenza e protezione fra il 2000 e il 2007: Nigeria e Romania le nazioni principali di provenienza di questi minori, ma flussi più o meno consistenti interessano Moldova, Albania, Ucraina, Russia, Bulgaria. Questo significa che tutti questi bambini e ragazzi minorenni o sono stati venduti attraverso adozioni internazionali illegali, o sono stati sfruttati sessualmente o costretti al lavoro forzato o, ancora sfruttati nell’accattonaggio. Non si esclude anche un’alta percentuale di sfruttamento in commercio illegale di organi.

Mariangela Campo

@MariCampo81

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews