Superbike, Magny-Cours: a Sykes gara2. Aprilia salvate dalla bandiera rossa

Sykes Superbike

Tom Sykes (motorcyclenews.com)

Magny-Cours –  Tom Sykes domina  gara2 e compie passi importanti verso il titolo iridato Superbike. Il pilota Kawasaki mette a segno una doppietta nel momento più importante del campionato e può ora guardare con fiducia e ottimismo all’ultimo round di Jerez de la Frontera. Corsa palpitante per il box Aprilia, che ha visto dapprima Laverty e Guintoli impegnati in uno scontro a due forsennato e quindi entrambi i piloti cadere rovinosamente a terra, nel giro di pochi metri, nel corso del giro finale. Traditi dalla pioggia, i due vengono comunque graziati dalla bandiera rossa, che aggiorna la classifica ai passaggi antecedenti la caduta.

Ancora un quarto posto per Davide Giugliano, che precede Chaz Davies. Settimo posto e tanto rammarico per Marco Melandri, incappato in un lungo a nelle battute iniziali della corsa; difficile capire cosa ne sarebbe stato della gara del ravennate senza l’errore che l’ha costretto alla rimonta ma i buoni tempi del finale accrescono la delusione.

LA GARAAncora un ottimo spunto per Tom Sykes ma al pronti via si fa subito notare anche Eugene Laverty, che si porta in seconda piazza. Piccolo brivido per Davide Giugliano, che riesce comunque a mantenere gli scarichi di Marco Melandri, nel giro di poche curve riscavalcato.

Pochi giri e la testa della corsa sembra già spaccata in due tronconi: il primo è quello che vede Sykes intenzionato a seminare le due Aprilia ufficiali, il secondo è quello animato dalla possibile bagarre tra Davide Giugliano e le due BMW. Scivola nel frattempo Michele Pirro.

Aumenta il margine di Tom Sykes, che ha ormai quasi definitivamente lasciato sole a combattere tra loro le due RSV4 di Laverty e Guintoli. Il pilota Kawasaki ha tutto un altro passo in questo avvio. Il duo Aprilia ha comunque un buon margine sugli inseguitori, ancora capitanati da Giugliano. L’italiano prova ad allungare, agevolato anche da un lungo di Melandri. A questo punto, Davide dovrà vedersela con il solo Chaz Davies.

Laverty Guintoli Superbike

Laverty e Guintoli (eniracing.com)

La metà di gara non è ancora vicina e il vantaggio di Sykes supera già i quattro secondi. Qualcosa si smuove alle sue spalle, con Guintoli che sopravanza Laverty e si porta momentaneamente in seconda posizione. Prova la rimonta Melandri ma ormai la sua gara è oltremodo compromessa. Ritiro invece per Michel Fabrizio: gara stregata per il box Honda che, poco prima, aveva vissuto anche la stessa situazione con Leon Haslam.

Con Sykes sempre più distante, le uniche possibilità di emozioni nel finale arrivano dalla bagarre tra Guintoli e Laverty. Un po’ più staccati tra loro Giugliano e Davies, che deve cucire un gap di oltre un secondo per sperare di portarsi in quarta piazza.

Errore per Guintoli dopo il sorpasso subito da Laverty. Il francese è comunque molto vicino e ha ancora il secondo posto alla sua portata. Il sorpasso arriva infatti a quattro giri dal termine: tra i due non è certo finita qui. Gran staccata infatti per Laverty, che si riporta davanti al pilota di casa. Le posizioni tra i due si rimescolano però continuamente. Sventola nel frattempo la bandiera bianca, che segnala la pioggia.

Duello ad alto tasso di tensione per i compagni di squadra di Aprilia. Mentre Sykes vola verso la vittoria, i due non si risparmiano in sorpassi e staccate. Cadono entrambi i piloti nel giro di poche curve! La bandiera rossa li grazia.

La classifica ufficiale di gara2:

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 21 giri in 34’36.149
02- Eugene Laverty – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 11.091
03- Sylvain Guintoli – Aprilia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 11.337
04- Davide Giugliano – Althea Racing – Aprilia RSV4 Factory – + 23.008
05- Chaz Davies – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 25.724
06- Vincent Philippe – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 34.762
07- Marco Melandri – BMW Motorrad GoldBet SBK Team – BMW S1000RR – + 36.219
08- Toni Elias – Red Devils Roma – Aprilia RSV4 Factory – + 40.957
09- Lorenzo Lanzi – Mesaroli Transports A.S. – Ducati 1098R – + 43.713
10- Ayrton Badovini – Team Ducati Alstare – Ducati 1199 Panigale R – + 53.188
11- David Salom – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 56.251

12- Mark Aitchison – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 1’04.048
13- Federico Sandi – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 1’04.243
14- Jules Cluzel – FIXI Crescent Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’10.346
15- Fabrizio Lai – MR Racing – Ducati 1199 Panigale R – + 1’29.441

 

Mara Guarino

Foto homepage via: motorcyclenews.com

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews