“Si fottano i Nirvana”, così Kurt Cobain minacciò di sciogliere la band

All'asta una lettera scritta da Kurt Cobain nel 1992, con la quale minacciava la Geffen Records di sciogliere i Nirvana per via di alcune offese arrivate dalla stampa

kurt cobain

Kurt Cobain insieme alla moglie Courtney Love e alla figlia Francis Bean. Nel 1992 il cantante minacciò di sciogliere i Nirvana per difendere la sua famiglia dalle calunnie della stampa (foto: pigeonsandplanes.com)

Sarà di ben trentamila dollari il prezzo di partenza dal quale partirà la lettera scritta da Kurt Cobain e indirizzata a David Geffen, proprietario dell’omonima etichetta discografica, con cui l’allora frontman dei Nirvana minacciò di sciogliere la band qualora la casa di distribuzione non fosse intervenuta in sua difesa contro un articolo di Vanity Fair. La notizia è apparsa ieri sulla stampa statunitense, insieme alle foto di quello che a breve diventerà un prezioso cimelio per collezionisti e fan dei Nirvana.

L’ARTICOLO INCRIMINATO – In particolare, nell’articolo che aveva scatenato le ire del cantante, apparso su Vanity Fair nel 1992, si affermava che Courtney Love avesse fatto uso di eroina durante la gravidanza. Come si può leggere nel testo, il cantante dei Nirvana non solo nega la veridicità di quanto riportato nell’articolo, ma minaccia di sciogliere i Nirvana qualora la casa discografica non avesse preso le difese della sua famiglia.

LA LETTERA DI KURT COBAIN – «L’articolo afferma che io e Courtney abbiamo fatto uso di eroina per tutto il periodo della sua gravidanza, e non è vero», scrive Cobain, aggiungendo che la tossicodipendenza della cantante delle Hole si era fermata non appena aveva scoperto di essere incinta, e che le periodiche visite al pediatra avevano sancito la sana costituzione del feto. In un crescendo di rabbia verso l’autrice dell’articolo, le cui parole, scrive Cobain, avevano l’unico obiettivo di colpire Courtney Love, il cantante dei Nirvana precisa: «Sono in riabilitazione da diciotto giorni e non vedo l’ora di tornare dalla mia famiglia. A questo punto, che si fottano i Nirvana»

L’EPILOGO DUE ANNI DOPO – Com’è noto, alla fine l’allarme rientrò e i Nirvana proseguirono la loro carriera, pubblicando due album, In Utero e Incesticide nel 1993, al quale va aggiunto il mai dimenticato Mtv Unplugged in New York. L’epilogo si avrà il 5 aprile 1994, quando Kurt Cobain, dopo aver scritto un’altra celeberrima lettera, si toglierà la vita con un colpo di fucile nella sua casa sul lago Washington.

Carlo Perigli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews