Shia LaBeouf nel nuovo film “hard” di Lars Von Trier

L'attore Shia LaBeouf

I contorni attorno al film Nymphomaniac, nuovo progetto dalle tinte erotiche del discusso regista danese Lars Von Trier, stanno prendendo una forma più definita. In queste ore sembra data per certa la trattativa per la presenza dell’attore statunitense Shia LaBeouf (Trasformers, Disturbia, Wall Street – Il denaro non dorme mai) che dovrebbe unirsi ai già confermati Charlotte Gainsburg (21 grammi, Antichrist, Melancholia) e Stellan Skarsgård (Dogville, Millennium – Uomini che odiano le donne, The Avangers), attori che con Von Trier hanno già lavorato, dando prova di grande spessore attoriale, ma, anche, di grande resistenza sul set. Rinomate sono, infatti, le pressanti richieste che il regista, fondatore del Dogma, fa ai suoi attori.

Come da anticipazioni, Nymphomaniac dovrebbe essere il (tanto?) atteso film erotico del regista danese che l’anno passato, durante la “famosa” conferenza stampa di Cannes 2011 – quella relativa alle sue esternazioni riguardo Hitler e il Nazismo -, ne anticipò la produzione. Il film, o meglio, il progetto, verrà girato il prossimo mese di settembre in Germania, nella regione della Renania Settentrionale-Vestfalia e dovrebbe confluire in due film: una versione tagliata e censurata per il circuito distributivo ufficiale e una versione che, nelle promesse di Von Treir, dovrebbe essere un vero e proprio hard-core.

In una notte invernale, Seligman (Stellan Skarsgård), uomo attempato ma sempre affascinante, incontra Joe (Charlotte Gainsburg) ferita e decide di soccorrerla portandola nel suo appartamento per curarla. Una volta lì, le chiede di raccontargli la sua vita e lei, in otto capitoli, inizia l’esposizione delle proprie avventure erotiche dall’infanzia fino ai cinquant’anni.

Il ruolo che sarà di Shia LaBeouf non è ancora chiaramente definito, certo è che, probabilmente, non si sentirà così a disagio in desabillet vista la sua recente apparizione nel video musicale Fjögur Pianó dei Sigur Rós. Per quanto riguarda, invece, la reale pornografia promessa da Lars Von Trier non c’è che da aspettare. D’altronde, da un regista che nel lontano 1990 si definiva «un semplice masturbatore dello schermo», c’è da aspettarsi di tutto.

Emanuel Micali


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews