Sestini, garante per l’infanzia, accusa gay di strumentalizzare i figli

(comuniitaliani.it)

Grazia Sestini (comuniitaliani.it)

Durante il convegno nazionale per la tutela dei minori, tenutosi il 5 dicembre scorso, Grazia Sestini il Garante per l’infanzia e l’ adolescenza per la Regione Toscana, ha liberamente espresso il suo personale punto di vista sui quei bambini cresciuti all’interno delle famiglie omogenitoriali.

IL SUO PUNTO DI VISTA- La Sestini, ex parlamentare Forza Italia, ha detto: «Come Garante dell’infanzia mi occupo dei diritti dei bambini e non del diritto di avere un figlio a tutti i costi da parte di alcuni genitori. I  gay dovranno spiegare ai loro figli come mai sono nati in quel modo lì». Le parole del Garante bruciano, sopratutto per quelle Famiglie Arcobaleno che sono scese in piazza sabato scorso a Roma per cercare di dare più sicurezze ai propri figli che tutt’ora non possono essere riconosciuti dal genitore non biologico. Grazia Sestini poi fa una battuta sarcastica su come questi bambini vengono concepiti, riferendosi alla procreazione assistita o alla maternità surrogata, scadendo in pura omofobia.

LA RISPOSTA DELLE ASSOCIAZIONI LGBT- L’avvocato Stefania Guglielmi, legale di Arcilesbica ha risposto: «Sestini ha dato una risposta omofobica, noi sappiamo separare i diritti degli adulti dai diritti dei bambini. Non stavamo parlando di adozione da parte delle coppie omosessuali né delle nozze gay. Stavamo parlando dei bambini che nascono all’interno di una coppia omosessuale. Grazia Sestini ha spostato l’attenzione dai bambini ai genitori facendo chiaramente capire che come Garante non ha intenzione di occuparsi dei nostri figli».

LE FAMIGLIE ARCOBALENO- Ilaria Trivellato, rappresentante emiliana delle Famiglie Arcobaleno presente in Toscana, ha fatto capire la sua indignazione sostenendo che un Garante non può esprimere pubblicamente un concetto pericoloso come questo, facendo ben capire che non è a favore delle famiglie omosessuali. Aggiunge poi la Trivellato: «Dovrebbe dimettersi». Il convegno era stato organizzato all’interno del Master in tutela dell’infanzia, tutto questo assume dei caratteri ancora più potenzialmente pericolosi perché è rivolto alle persone che in un prossimo futuro si occuperanno di infanzia.

Giulia Orsi

Foto: comunitaliani.it


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews