Serie A, le pagelle della 3a giornata: conferma Juve e Napoli, incubo Milan

Siamo già alla terza di campionato e la pausa per le Nazionali avrebbe potuto regalare qualche sorpresa. Invece, la serie A italiana è ricominciato confermando gli spunti già offerti durante le prime due giornate: la solidità della Juve, i limiti del Milan, la concretezza dell’Inter, la maturità del Napoli, la follia della Roma…

Chievo (voto 5) – Lazio (voto 7)

La Lazio vola con Hernanes (qn.quotidiano.net)

Da una provinciale, e dal Chievo in particolare, ci si aspetta sempre quel furore agonistico che ha permesso alla squadra di Campedelli di assicurarsi salvezze più o meno nitide. Ieri, invece, al Chievo è mancata la “fame” dei giorni migliori, dinanzi ad una squadra ben messa in campo da Petkovic e illuminata da un Hernanes sempre più decisivo. Se poi ci si aggiunge la freddezza di un certo Klose, è facile pensare che la squadra di Lotito si proponga, con sempre maggiore decisione, quale una delle possibili protagoniste di questo campionato.

Fiorentina (6,5) – Catania (5,5)

Montella contro il suo recente passato in una partita dal forte impatto emozionale: si può sintetizzare così il match del Franchi. Da una parte la Viola, con il ritorno al gol di Toni, dall’altra un Catania che, nonostante la perdita di mister aeroplanino mostra un gioco sempre divertente. A fare la differenza, però, ci pensa Jovetic che, domenica dopo domenica, aumenta il proprio prezzo di cartellino per il mercato che verrà.

Genoa (6) – Juventus (6,5)

Passa una brutta oretta la squadra guidata dal duo Conte – Carrera, che deve ringraziare gli errori sottoporta di Immobile  & C. se riesce a conservare la propria imbattibilità in campionato (42 partite di fila). Senza gli stessi errori, ora i voti sarebbero decisamente invertiti. Invece, la Vecchia Signora si mostra comunque una grande squadra, capace di approfittare degli errori avversari e con a disposizione una panchina finalmente in grado di cambiare il corso dei match (Asamoah per il momento risulta essere il colpo migliore del recente calciomercato).

Milan (4) – Atalanta (6,5)

Chi si chiedeva quale fosse il vero Milan di stagione, se quello della sconfitta interna contro la Samp o quello capace di segnare 3 gol al Bologna, ora avrà le idee un po’ più chiare. La squadra di Allegri incappa nella seconda sconfitta casalinga, mostrando i limiti solo momentaneamente colmati dalla tripletta di Pazzini. L’Atalanta, invece, sembra essere tornata la squadra cinica e affamata dello scorso campionato (e Cigarini inizia a dimostrare di non essere soltanto un’eterna promessa).

Napoli (6,5) – Parma (5)

Maurizio Zamparini ha esonerato l'ennesimo allenatore (testedicalcio.blogosfere.it)

Il Napoli formato 2012-2012, senza la preoccupazione della Champions, è una corazzata in grado di far tremare i polsi alle grandi del campionato (qualora ce ne siano). La squadra di Mazzarri è più concreta e solida rispetto alle versioni precedenti. Certo, manca l’imprevedibilità del Pocho, ma Pandev e Insigne sembrano più che in grado di farlo dimenticare quanto prima. Per la squadra di Donadoni, invece, non sarà facile togliersi le soddisfazioni dello scorso campionato, soprattutto con un Giovinco in meno.

Palermo (5,5) – Cagliari (5,5)

Un pari in tutti i sensi, con due squadre non ancora in grado di trovare la quadratura del cerchio. E, se per il Cagliari, il pari del Barbera può essere archiviato senza particolari patemi d’animo, il Palermo si avventura nell’ennesimo cambio di gestione dettato dal padre-padrone Zamparini. Gasperini riuscirà a fare di meglio?

Pescara (5) – Sampdoria (7)

Nono gol incassato dal Pescara di Stroppa, che sembra aver copiato solo la parte difensiva dal suo predecessore Zeman. È vero, qualche progresso inizia a vedersi, ma è comunque poca roba per contrastare la Samp di questo periodo, ben messa in campo da mister Ferrara e trascinata da un Maxi Lopez in cerca di riscatto, dopo la breve parentesi rossonera.

Roma (5) – Bologna (6,5)

Anche le agenzie di scommesse si sono adattate al ritorno in A di mister Zeman, fissando l’under ad una insolita quotazione di 2.50. Totti sembra essere ritornato ai suoi 25 anni, Florenzi segna il suo secondo gol consecutivo, ma tutto viene vanificato dalla solita giornataccia dei difensori e dal grande ritorno di Gilardino, che conferma di non aver perso il suo fiuto per il gol.

Siena (6) – Udinese (5,5)

L’Udinese comincia con il piglio di chi vuole dare una sterzata immediata alla propria stagione, dopo aver perso la Champions e dopo le prime due sconfitte in campionato. Ma la squadra di Guidolin conferma, ancora una volta, i propri limiti e si fa rimontare dalla squadra di Cosmi. E giovedì i friulani dovranno vedersela con un certo Eto’o.

Torino (5) – Inter (6,5)

L’Internazionale formato trasferta continua a convincere, come già mostrato contro il Pescara. Ma questa è sfida più attendibile, soprattutto se si considera che la squadra di mister Ventura non aveva subito un solo gol dopo i primi 180 minuti. Invece, Milito e Cassano guidano alla vittoria una squadra concreta e mai troppo leziosa. Dal Torino, invece, ci si aspetta quanto prima una immediata prova di riscatto.

                                                                                                                                                                                                                                            Antonio Giordano

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews