Senato, no agli arresti domiciliari per Tedesco ed è quasi rissa

 

Antonio Di Pietro chiede le dimissioni di Tedesco (laquilaweb.it)

Giornata di decisioni pesanti ieri in Parlamento. E così mentre la Camera decideva di far arrestare Alfonso Papa, creando le premesse per una gravissima frattura interna al governo, il Senato respingeva la richiesta di arresto per Alberto Tedesco, con 151 no e 127 sì.

L’ex senatore del Pd, oggi in forza al gruppo misto, è stato dunque salvato dal voto, ancora una volta segreto su specifica richiesta del PdL. Un vero paradosso visto che a pronunciarsi in favore del provvedimento, oltre che del voto palese, era stato proprio il senatore attualmente indagato per la gestione della sanità in Puglia mentre era assessore nella giunta Vendola.

Duro il giudizio del leader dell’Idv Antonio Di Pietro: “Sia coerente e non accetti il salvagente-trappola propostogli dal Pdl, che lo ha salvato giudiziariamente per affossare politicamente la coalizione del centrosinistra” ha comunicato attraverso una nota scritta l’ex magistrato.

Da più parti, si invocano a questo punto le dimissioni di Tedesco.

La situazione del Parlamento italiano è quasi al tracollo, tanto che, in entrambe le Aule, non sono mancati pesanti disordini. In Senato, Domenico Gramazio del PdL e Paolo Giaretta del Pd si sono lasciati addirittura andare a urla e spintoni.

 

Redazione

Foto homepage via: controweb.it

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews