Sempre più giovani fuggono via dall’Italia. Nel 2012, +30% di espatri

giovaniItaliani in fuga dall’Italia. Negli ultimi venti anni, oltre due milioni di giovani e meno giovani sono emigrati in cerca di qualcosa di più di quel che offre lo Stivale. Un fenomeno importante che sta assumendo dimensioni eccezionali, segnale di un malessere generalizzato le cui origini sono da rintracciare nei diversi fattori che fanno dell’Italia, oggi, un paese in stato di crisi economica, sociale e morale.

Stando a quanto riportato dai recenti dati dell`Anagrafe della popolazione italiana residente all’estero (Aire), soltanto nell’arco dello scorso anno, l’emigrazione dalla Penisola ha fatto registrare un +30,1%, passando dai 60.635 emigranti del 2011 ai 78.941 del 2012. Dunque, esiste una moltitudine di italiani che, non appena crede sia arrivato il momento, mette in valigia le proprie cose più care e parte per l’estero in cerca di nuove opportunità più stimolanti.

Ma qual è l’identikit di chi non vede l’ora di lasciarsi alle spalle il Belpaese? Si tratta, in maggioranza, di uomini (che sono il 56% del totale); ma il fenomeno della fuga dall’Italia non è affatto estraneo alle donne che rappresentano il 44% degli emigrati complessivi. Per quanto riguarda la fascia d’età, quella dei più giovani (20-40 anni) è cresciuta in un solo anno del +28,3%. Igiovani 20-40enni italiani emigrati sono passati dai 27.616 espatri del 2011 ai 35.435 del 2012, andando ad alimentare quella che viene comunemente chiamata la “fuga dei cervelli” dalla Penisola che, solo lo scorso anno, ha rappresentato il 44,8% del flusso totale di espatrio. Anche in questo caso prevalgono gli uomini (il 57% del totale) contro un 43% di donne. Inoltre, prevale la fascia 30-40enni (20.650 espatri) su quella 20-30enni (14.785). I trentenni si confermano dunque la fascia d’età più propensa all’espatrio.

Tra le regioni italiane in cui è più forte il fenomeno dell’emigrazione c’è la Lombardia: soltanto nel 2012, 13.156 lombardi hanno trasferito la propria residenza all’estero. Li hanno seguiti 7.456 veneti, 7.003 siciliani, 6.134 piemontesi, 5.952 laziali, 5.240 campani, 5.030 emiliano-romagnoli, 4.813 calabresi, 3.978 pugliesi e 3.887 toscani.

giovaniQuali sono le terre d’approdo? Il continente preferito dai 20-40enni italiani resta l’Europa che nel 2012 ha assorbito il 69,2% del flusso di espatri degli under 40 (24.530 emigrati). Seguono l’America meridionale (4.837), l’America settentrionale e centrale (3.110) e Asia-Africa-Oceania (che insieme hanno accolto 2.958 emigrati italiani). Restando nei confini dell’Eurozona, tra i Paesi più scelti dagli italiani che fuggono via c’è la Germania che si conferma la nazione più attraente per i giovani tra i 20 e i 40 anni: nel 2012 si sono trasferiti tra i tedeschi 5.137 italiani. Dietro la Germania, altra destinazione molto quotata è la Gran Bretagna (con 4.688 emigrati nel 2012). Seguono poi la Svizzera (con 4.103 emigrati italiani), la Francia (con 2.946), gli Usa (con  2.192), la Spagna (con 2.081), l’Argentina (con 2.058), il Brasile (con 1.768) e il Belgio (con  1.012).

Chiara Piselli

(Foto: avolablog.it, etech-group.com)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews