Scandalo Boy Scout d’America: migliaia i casi di pedofilia

Migliaia di pagine che documentano gli abusi sessuali da parte di alcuni esponenti americani dei boy scout coperti per decenni. È il “Perversion file”, che finora era solo un documento segreto, ma che è stato reso pubblico negli Stati Uniti, facendo scoppiare uno scandalo.

Coperture che contano ben 14.500 pagine di documenti, finora rimasti segregati dall’organizzazione americana che parlano di abusi sessuali di oltre 1.200 capi scout tra il 1965 e il 1985. Oggi finalmente sono state pubblicate, su ingiunzione della Corte suprema dell’Oregon e definite dagli avvocati come il dossier della perversione. Il tribunale, che nel 2010 aveva condannato gli scout a un risarcimento di oltre 18 milioni di dollari per non aver protetto un adolescente da un pedofilo, ha pubblicato il dossier allegando tutte le foto appartenenti al file segreto.

L’avvocato Paul Mones, che ha presentato il carteggio in conferenza stampa, dichiara: «Ciò che dimostra questo dossier è la sofferenza di migliaia di piccoli scout». Ognuno degli adulti coinvolti ha abusato in media da 5 a 35 ragazzini: «Sappiamo che il numero delle vittime raggiunge qualche migliaia e la maggior parte di queste persone non dirà mai nulla», ha aggiunto l’avvocato.

E interviene anche l’avvocato Kelly Clark, che nel 2010 vinse il caso contro l’associazione a nome di un uomo che da ragazzo, negli anni ottanta, fu molestato da un capo scout, a cui è inoltre spettato il compito di diffondere il dossier durante una conferenza stampa, nella quale ha dichiarato: «Non si nascondono cose che riguardano situazioni pericolose per bambini».

La risposta del presidente dei Boy Scouts of America, Wayne Perry, a seguito della pubblicazione del file, ha ripresentato le scuse alle vittime: «Ci sono state delle situazioni in cui alcune persone hanno approfittato della loro posizione per violentare dei bambini e in alcuni casi, la nostra risposta a questi incidenti e i nostri sforzi per proteggere i giovani sono stati chiaramente insufficienti, inadeguati o scorretti».

Sonia Carrera

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews