Sbaglia il nome del marito alla prima notte di nozze: sposa picchiata a sangue

Sposa picchiata (bergamosera.com)

Ancora violenza sulle donne. Sposa "rea" di aver pronunciato il nome di un altro uomo alla prima notte di nozze (bergamosera.com)

CASERTA – Più che sogno di una vita si è rivelata, in tutto e per tutto, un vero e proprio incubo la prima notte di nozze per la lei di una coppia di sposini in quel di Caserta. Quella che doveva essere, infatti, una tranquilla e serena luna di miele per i due neoconiugi, si è trasformata in una escalation di violenza ai limiti della tragedia.

Esaminando l’accaduto, si è potuto constatare, in definitiva, che la scintilla rea di aver acceso l’ira incontrastabile dello sposo, tra le mura della camera a loro riservata in un lussuoso albergo sito nel beneventano (Castello di Limatola), corrispondeva alla “colpa” attribuita alla moglie per aver pronunciato il nome di un altro uomo nel bel mezzo dei migliori momenti di intimità della coppia.

Addirittura quasi l’intera camera sarebbe stata ritrovata letteralmente distrutta dal personale accorso, per di più, su segnalazione dello stesso marito, il quale avrebbe allertato la reception dell’hotel chiedendo «una mano per mia moglie».

Ancora una volta, dunque, notizie di cruente violenze a danno femminile, in questo caso selvaggiamente ascrivibili ad ancora prima di entrare definitivamente nel nido domestico. Seppur, fortunatamente, non di portata crudamente luttuosa, quelli compiti in questo caso restano sempre e comunque gesti ingiustificabili da un punto di vista sostanzialmente umano, soprattutto su motivazioni così frivole e risolvibile, se proprio si vuole (e se proprio corrisponde a realtà la giustificazione dell’uomo), con ben altre maniere di gran lunga più civili.

La donna, per lungo tempo esanime sul letto della camera d’albergo, è stata prontamente soccorsa dagli addetti sul posto. I due sposini protagonisti di questa inspiegabile vicenda, entrambi laureati, appartengono a due famiglie casertane note e di elevato rango sociale. Ben poco, dunque, lasciava presagire un comportamento di simile portata anche se, ovviamente, l’abito non fa il monaco. L’uomo, in giornata, risponderà agli interrogatori delle autorità competenti.

(Foto: napoli.ogginotizie.it / bergamosera.com)

Stefano Gallone

@SteGallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews