San Valentino. Idea regalo? Riconoscere l’eiaculazione precoce come problema

Eiaculazione precoce e disturbi erettili: riconoscerli è il primo passo per risolverli

Milano – Sembra un paradosso o un controsenso, ma non lo è: parlare di problemi sessuali nella coppia proprio a pochi giorni dalla festa degli innamorati è invece un modo per farsi davvero un bel regalo. Ne è convinta la dottoressa Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica del San Raffaele Resnati di Milano, che lancia un allarme su un fatto che troppo spesso viene negato: i diffusi problemi (non affrontati) di disfunzione erettile e di eiaculazione precoce.

L’esperta ha dichiarato: «Negli ultimi anni, grazie a campagne di sensibilizzazione, si è fatto un ottimo lavoro per affrontare la questione della disfunzione erettile e oggi il problema all’interno della coppia è spesso risolto. C’è invece un disturbo che viene sottovalutato e trascurato: l’eiaculazione precoce. Si tratta della più frequente malattia sessuale maschile e colpisce dal 20% al 30% degli uomini tra i 18 e i 65 anni».

La dottoressa sottolinea il malessere che ricade sulla donna e i turbamenti psicologi che ne derivano:  «Nei casi di deficit erettivo la donna si chiede ‘cosa c’è che non va in me’, nei casi di eiaculazione precoce la donna pensa ‘cosa c’è che non va in lui’. Da questo deriva un atteggiamento della partner molto differente: collaborativo in caso di disfunzione erettile, frustrato, teso o aggressivo nell’eiaculazione precoce».

Ecco quindi l’importanza fondamentale di un dialogo aperto e soprattutto della “non negazione” del problema:  il consiglio della Graziottin è di chiedere subito aiuto perché solo così c’è la possibilità reale di risolverlo attraverso la terapia sessuologica e se necessario una cura farmacologica. Si evita inoltre che la partner possa arrivare a svalutare il proprio uomo e cercare gratificazioni sessuali esterne alla coppia.

Conclude la dottoressa ricordando la festa del 14 febbraio: «Il miglior regalo di San Valentino è l’apertura al dialogo e dimostrare alla partner di amarla veramente, decidendo di andare dal medico per affrontare il problema».

foto: psicologi-italia.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a San Valentino. Idea regalo? Riconoscere l’eiaculazione precoce come problema

  1. avatar
    vincenzo puppo 12/02/2013 a 08:44

    Re Alessandra Graziottin “durata della penetrazione è importante per l’orgasmo femminile”: ??? L’orgasmo vaginale NON esiste!!!… e, tanto per cambiare, si fa pubblicità a farmaci… l’eiaculazione precoce nel rapporto vaginale NON è una disfunzione/malattia!!! e chi lo ha deciso che dopo una eiaculazione non si può continuare a fare l’amore con baci e carezze e quindi con la possibilità di più orgasmi per la donna?… perché non capire che queste “disfunzioni” sono “inventate” solo per creare ansia ecc e far vendere più farmaci??? vedi la mia intervista a lastampa.it su questo argomento (e anche su altri …) di qualche mese fa (o clicca sul mio nome)… e i video in youtube-newsexology

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews