Sallusti evade dai domiciliari: arrestato e condotto a San Vittore

Il tempo di essere condotto dagli agenti nella propria abitazione milanese, Sallusti è stato arrestato poco dopo per evasione

Milano – Non sembra terminare la tormentata vicenda che vede protagonista Alessandro Sallusti, direttore del quotidiano Il Giornale. Dopo essere stato accusato e condannato per diffamazione, gli erano stati concessi i domiciliari dai quali però è evaso poco dopo guadagnandosi un nuovo arresto e l’accusa quindi di evasione.

Sallusti era stato prelevato dalla redazione milanese del quotidiano da lui diretto, davanti a gran parte dei propri colleghi e collaboratori. In quella sede, infatti, due funzionari della Polizia di Stato gli avevano notificato il provvedimento degli arresti domiciliari.

Proprio ieri lo stesso Sallusti, nel corso di un’infuocata conferenza stampa, si era scagliato duramente contro la decisione del giudice di sorveglianza di Milano Guido Brambilla, di accogliere l’istanza di detenzione domiciliare avanzata dal procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati. Sallusti aveva chiesto a gran voce di poter scontare la propria pena detentiva in carcere.

«Supplico il Procuratore Edmondo Bruti Liberati – aveva dichiarato infatti il giornalista – che mi mandi i carabinieri e mi traducano in carcere. La prossima riunione la farò da evaso ». Lasciando quindi presupporre che una volta condotto ai domiciliari non avrebbe rispettato le disposizioni del giudice e sarebbe poi evaso. Ed è quanto poi avvenuto nelle ore successive.

Condotto dai funzionari presso l’abitazione della sua compagna Daniela Santachè per scontare i domiciliari, Sallusti è uscito poco dopo. A questo punto gli agenti a seguito della violazione l’hanno arrestato e portato a San Vittore. Alessandro Sallusti poteva uscire dalla propria abitazione solo dalle 10 alle 12, secondo quanto disposto dal giudice Guido Brambilla.

Per il reato di evasione l’attuale normativa prevede la pena della reclusione da uno a tre anni, ora Sallusti potrebbe essere processato per direttissima. Subito dopo il gesto del direttore è arrivata anche la solidarietà di tutta la sua redazione che ha affidato al proprio sito web una forte critica.  «Italia vergogna d’Europa» si legge infatti sul sito web della testata. Molto critico sulla vicenda anche il giornalista Vittorio Feltri.

Angela Piras

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews