Rubati archivi Sony: trafugata l’intera discografia di Michael Jackson

jackson

ansa.it

Londra – Nuovo attacco hacker per la Sony. Una cascata di violazioni ai suoi archivi discografici stanno mettendo in seria difficoltà l’azienda. A poco meno di un anno dall’aprile 2011, mese in cui la Playstation Network è finità in ginocchio, il colosso giapponese deve fare i conti con un nuovo caso: l’archivio dove si conserva l’eredità musicale del re del pop, Michael Jackson, è stato violato.

Si parla di almeno 50 mila file trafugati. Perle delle musica che sono parte dell’intero catalogo che la Sony aveva acquistato assieme ai diritti di alcuni brani inediti, dagli eredi del cantante dopo la sua morte. Valore dell’acquisto, circa 250 mila dollari. L’intesa, inoltre, era comprensiva della pubblicazione di 10 nuovi album postumi.

Secondo il Sun, però, il danno sarebbe ancora maggiore perché oltre ad essere stata rubata l’intera discografia di Jackson, sono state saccheggiate anche canzoni di altri artisti storici che hanno fatto la storia della Sony: Jimi Hendrix, Paul Simon, Olly Murs, i Foo Fighters e Avril Lavigne.

La cosa più sorprendente è che l’attacco ai danni della multinazionale giapponese sarebbe stato rilevato solo poche settimane dopo quello dell’aprile 2011, ovvero il periodo in cui la Playstation Network, sarebbe stata oggetto di rapina per un valore di 77 milioni di videogiochi. Un episodio che costò all’azienda 160 milioni di dollari.

Dice Il Guardian: venerdì scorso due uomini arrestati a maggio sono comparsi in un tribunale a Londra e sono stati accusati dei reati legati all’intrusione informatica. James Marks di 26 anni e James McCormick di 25, hanno negato ogni accusa e successivamente sono stati rilasciati su cauzione. Saranno processati in gennaio.

Rimane il danno. I pirati hanno operato attacchi a database riservati numerose volte. Dopo la Playstation Network, avevano scardinando i server di SonyPictures.com – la piattaforma degli sviluppatori – e bucato i livelli di sicurezza di Sony Bmg nonché frantumato la divisione Sony Marketing, sezione amministratrice dei punti-shopping allegati ai prodotti del gruppo in Giappone.

La Sony, al momento, si limita a confermare la violazione ai suoi archivi musicali sottolineando che, a differenza degli altri episodi, non sarebbe stato trafugato nessun dato personale degli utenti. Non si sbilancia, però, nella quantificazione economica del danno e c’è chi già scommette che a breve le reti Peer To Peer e Bit Torrent saranno popolate di brani di Jackson.

Chantal Cresta

Foto || ansa.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews