Roma: tutti i dati del tracollo. Serve un centravanti

Roma

Cosa è successo alla Roma di Rudi Garcia che fino a non molti mesi fa sembrava destinata a fare grandi cose e adesso lotta per un secondo posto che, se sarà raggiunto, non sarà neanche minimamente meritato? Difficile dirlo, soprattutto se si considera che il Milan affrontato due giorni fa è probabilmente il peggiore dell’era Berlusconi. Senza lasciarsi andare alle emozioni e alle sensazioni, la cosa migliore che si possa fare è dare la parola ai numeri.

SI SUBISCE POCO - L’anno scorso dopo trentacinque giornate di campionato la Roma aveva 85 punti in classifica, aveva realizzato 71 gol, subiti 19, aveva vinto 26 partite, pareggiate 7 e perse 2. Quest’anno, dopo trentacinque giornate, la Roma ha 64 punti, ha segnato 49 gol, subiti 27, ha vinto 17 partite, pareggiate 13 e perse 5. Il dato migliore è probabilmente quello sulla difesa. Vero, la Roma ha subito 8 gol in più. Ma se si pensa che in estate la società ha venduto il suo miglior difensore – Mehdi Benatia – e ha avuto a disposizione Leandro Castan solo per 45 minuti (senza aprire i capitoli terzini e portiere mediocre) non è un dato così scandaloso. Il difetto della difesa non è quantitativo, ma qualitativo. Molte di quelle ventisette reti subite, infatti, sono il frutto di errori che non si vedono più neanche in Eccellenza: emblematici gli sbagli di Astori contro il Milan. Prima di riscattare il numero 23 la Roma ci dovrebbe pensare molto bene (per poi rifiutarsi).

Roma

DOVE SONO I BOMBER? - Il vero grande problema è la differenza di 22 gol fra i gol fatti l’anno scorso e quest’anno. A cosa si deve tale lacuna? A questo punto della stagione il capocannoniere della Roma 2013/14 era Mattia Destro con 13 reti. Quest’anno il bomber, se così si può definire, dei giallorossi è Adem Ljajic con 8 reti, di cui una su calcio di rigore. Può una squadra il cui obiettivo iniziale era lo scudetto non avere neanche un giocatore in doppia cifra? Lo stesso Destro, nella sua metà di stagione giocata con la maglietta giallorossa, ha segnato solo cinque reti. L’anno scorso Gervinho batté i portieri avversari in nove occasioni. Quest’anno (si sta parlando unicamente del campionato, non delle coppe) due, l’ultima volta il 30 novembre contro l’Inter, più di cinque mesi fa. Francesco Totti, invece, dopo 35 giornate aveva segnato lo stesso numero di reti di quest’anno scorso (l’anno scorso ne avrebbe segnata un’altra alla trentaseiesima contro il Catania). La differenza è che i rigori battuti da Totti nel primo anno di Garcia furono due, quest’anno quattro. Inoltre, mancano i gol dalla difesa: Benatia bucò le difese avversarie ben cinque volte. Manolas in fase difensiva è ottimo, ma non ha segnato neanche mezzo gol. E l’assenza di Kevin Strootman, oltre che sulla qualità del gioco, si è fatta sentire anche in fatto di gol segnati: le cinque reti della scorsa stagione quest’anno avrebbero fatto molto comodo.

SOLDI BUTTATI - Un giocatore da cui ci si aspettava un apporto offensivo maggiore era Juan Manuel Iturbe, pagato dalla Roma in estate la bellezza di 22 milioni più 2,5 di bonus. L’ex Verona ha segnato in campionato solo una rete, il 5 ottobre 2014 contro la Juventus che poi vinse la partita. Stesso discorso vale per Seydou Doumbia, pagato 14,4 milioni e 1,5 di bonus: più di quanto la Juventus ha speso per Tevez, il Napoli per Callejon, la Fiorentina per Giuseppe Rossi, la Lazio per Felipe Anderson. L’ivoriano ha segnato due reti e per immaginarlo come il nuovo centravanti della Roma ci vuole parecchia fantasia. Non sono pochi neanche i 2,5 milioni spesi per il prestito di Ibarbo, soprattutto se si pensa che Destro è andato al Milan per 500.000 euro. Ma Ibarbo alla Roma non ha segnato, mentre Destro con la squadra di Inzaghi ha fatto esultare i suoi tifosi tre volte. Senza dimenticare gli oltre due milioni di ingaggio di Ashley Cole: per lui 11 presenze in Serie A e una sicura candidatura a bidone dell’anno.

Sabatini, non è il caso di cominciare a spendere le risorse che Mr.Pallotta le mette a disposizione un tantino meglio, ad esempio per un centravanti da almeno 20 gol all’anno?

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: asromaultras.org; ligaolahraga.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews