Roma, bimba rom nel cassonetto della spazzatura: il web sotto shock

bimba rom nel cassonetto

Roma, bimba rom nel cassonetto: la madre la invita a infilarsi tra i rifiuti. Il web in rivolta (leggo.it)

Roma – Delle di ordinaria quotidianità nella Capitale sono state immortalate dalle fotocamere da alcuni passanti i quali, ritrovandosi in piazzale degli Eroi difronte a una bimba rom nel cassonetto dell’immondizia, non hanno potuto far altro che denunciare i fatti e diffonderli sul web. In uno dei bidoni adibiti alla raccolta rifiuti dell’Ama di piazzale degli Eroi, in zona Trionfale, due donne e una bambina di origine rom rovistano nella spazzatura per raccattare ciò che era ancora plausibilmente utilizzabile ma comunque lasciato tra gli scarti indifferenziati.

BIMBA ROM NEL CASSONETTO DELL’AMA - Una tecnica additata come squallida dai più ma comunque quotidianamente praticata in quasi tutte le zone di Roma e che forse, d’altro canto, lascia riflettere sul fatto che spesso l’eccessivo e contemporaneo gesto di accumulare oggetti per poi gettarli in luoghi inappropriati sia comunque un monito, per chi rovista nei cassonetti o si ritrova costretto a farlo, a continuare a cercare nel loro interno qualcosa di utile. Le foto di tre persone che cercano nei cassonetti dell’Ama non è poi una novità eppure, a causa di un’azione correlata all’evento, hanno sconvolto l’opinione pubblica e riacceso il tema su quanto sia giusta o meno tale pratica.

Una bimba inghiottita dalla spazzatura, dinanzi alla complicità della madre e l’indifferenza dei passanti (leggo.it)

LA MADRE LA INVITA  A ENTRARE NEL BIDONE - La bambina rom, di ovvia inferiore statura rispetto alle altre due donne che rovistavano nella spazzatura, è stata infilata all’interno del cassonetto dell’Ama per ottimizzare la ricerca. Il problema denunciato dai passanti, più che etico, è salutistico: quante centinaia di migliaia di batteri prolificavano in quel bidone e nelle buste di immondizia lì lasciate, toccate a mani nude da una piccola bambina che si muoveva all’interno dell’ammasso dinanzi all’indifferenza delle due adulte?

INDUMENTI NELL’INDIFFERENZIATO- Secondo le testimonianze dei passanti ritrovatisi dinanzi alla shockante scena, la bimba sarebbe stata invitata dalla madre (una delle due donne fotografate) a infilarsi nel cassonetto per meglio cercare degli oggetti interessanti. C’è anche da dire che il cassonetto ospite dell’accaduto, nonostante fosse destinato a rifiuti indifferenziati, mostrava in bella vista alcuni indumenti, appoggiati su uno dei suoi lati quasi a richiamare chi è solito rovistare tra i rifiuti pubblici, quando in città esistono dei bidoni esclusivamente adibiti alla raccolta di articoli d’abbigliamento.

LE VARIE OPINIONI - Il mondo del web si divide in questa preoccupante realtà: c’è chi riflette sul degrado che ha investito la città, chi coglie la palla al balzo per prendersela nuovamente con la comunità rom e chi accusa di maltrattamenti le due donne che hanno costretto la bimba a calarsi nel cassonetto. C’è chi giustifica il gesto e chi lo attacca fermamente, richiamando la necessità di rispettare le regole di igiene pubblica. Qualunque sia l’opinione personale a riguardo, resta il fatto che una bimba innocente sia stata costretta a compiere un gesto pericoloso per la propria salute dinanzi all’indifferenza dei passanti e la complicità della madre, con la speranza che eventi similari, con il contributo di tutti, non accadano più.

Rachele Sorrentino

@rockeleisrock

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews