Rivoluzione Formula 1 dal 2014: patente a punti, test e motori

formula 1

Sicurezza e motori sono stati il fulcro del discorso (foto: derapate.it)

Milano – Lo si era detto da più parti, il 2013 sarebbe stato un anno di transizione per il mondo della Formula 1, un anno di stallo in attesa delle grandi modifiche, soprattutto tecniche e motoristiche, attese per il 2014. Il mese scorso, il Consiglio Mondiale della FIA si è riunito a Goodwood con lo scopo di approvare importanti novità del regolamento tecnico e sportivo in vista della prossima stagione di Formula 1, quella del 2014, dove faranno il debutto in pista i motori V6 Turbo. Introduzione della patente a punti, test a metà stagione, forniture di motori ad un massimo di quattro squadre e, seguendo la via indetta dalla Ferrari, meno galleria del vento a favore delle prove in pista. Scopriamo assieme le novità più importanti.

Patente a punti - Come avevamo già anticipato, dal prossimo campionato, sarà introdotto un sistema di penalità a punti per i piloti. Un pilota può accumulare al massimo nei 12 mesi quota 12 punti che, una volta raggiunti faranno scattare automaticamente l’esclusione dal GP successivo. La quantità di punti sottratti ad un pilota varierà a seconda delle violazioni e andrà da uno a tre a seconda della gravità del reato.

Meno ore in galleria del vento e più test - Saranno notevolmente ridotti i test in galleria del vento, sia per contenere i costi dei team più piccoli, nella fattispecie, sia per introdurre nuovamente i test a metà stagione. I team potranno svolgere quattro sessioni di test di 2 giorni ciascuna da svolgersi nell’arco del mondiale e nei giorni seguenti alla gara. Spariscono i test per i giovani piloti e quelli promozionali, restano tre le sessioni invernali di cui la prima anticipata a gennaio, utile per provare i nuovi motori.

Novità sui motori - Come richiesto dalla Mercedes, ogni costruttore potrà fornire motori a un massimo di 4 team e in tutto l’arco dell’anno il pilota potrà contare su 5 unità propulsive (l’uso di un motore extra comporterà la partenza dalla pitlane). La sostituzione di uno dei 5 singoli elementi indicati dalle norme, invece, comporterà la perdita di 10 posizioni in griglia.

Sicurezza - Sicurezza al centro dell’attenzione al Consiglio Mondiale: la Federazione ha imposto l’uso del casco per tutto il personale impegnato nei pit stop ed è stato anche diminuito il limite di velocità nella corsia box, che è attualmente di 60 km/h per le sessioni di prove libere e 100 km/h per le prove ufficiali e la gara ed è stato portato a 80 km/h per tutto il fine settimana, ad eccezione di Melbourne, Montecarlo e Singapore, dove rimarrà di 60 km/h.

Gomme, cambio e vettura - Ogni pilota dovrà utilizzare una scatola del cambio per 6 GP consecutivi, rispetto agli attuali 5, i drivers avranno a disposizione un set aggiuntivo di pneumatici da utilizzare solo durante i primi 30 minuti delle prime libere del venerdì, per incoraggiare quest’ultimi a scendere in pista senza preoccuparsi della gestione degli pneumatici in visione del fine settimana mentre il peso minimo delle vetture aumenta di 5Kg, considerando che il motore dovrebbe pesare di più rispetto a quello di ora.

Carburante - Le monoposto non potranno imbarcare più di 100 kg di carburante per la gara. I controlli giungeranno grazie a uno speciale misuratore già approvato dalla Federazione.

foto homepage: formula1news.info

Eleonora Ottonello

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews