Regno Unito. Cameron: via le tasse di successione per vincere nel 2015

Cameron

Il premier britannico David Cameron

Londra – Campagna elettorale a colpi di tasse nel Regno Unito. Il Gran Cancelliere dello Scacchiere britannico, il conservatore George Osborne, ha dichiarato al Mail che coloro che vogliono lasciare ai figli in eredità la loro casa, vanno «sostenuti» e non «penalizzati».

E parte così ufficialmente nel Regno Unito la corsa per le elezioni, 7 maggio prossimo, che vede impegnati Tories e Labour sul tema delle tasse di successione laddove il governo del tory conservatore David Cameron vorrebbe tagliarle in modo drastico: 1,4 milioni di sterline a cui si aggiungerebbero circa 2 milioni di sterline di altre tasse sul patrimonio ereditato.

La notizia era già in circolazione dallo scorso marzo grazie ad alcune indiscrezioni pubblicate dal The Guardian il quale avrebbe avuto per le mani dei documenti riservati del Tesoro inglese nei quali si discuteva di una proposta per il taglio delle imposte di successione superiore al milione di sterline. Ora però la notizia trova conferma nella voce del Cancelliere Osborne e questo dà il la al fioccare di dichiarazioni delle controparti.

LE TASSE E LE POLEMICHE – Il segretario del governo ombra al tesoro, il laburista Chris Leslie, ha cassato l’annuncio dei conservatori di Cameron come l’ultima sparata giacché – spiega – la proposta era già nell’agenda dei Tories nell’ultima campagna elettorale e fu disattesa. Ora la ripropongono, ma – continua Leslie - «in un momento in cui il nostro Servizio Sanitario Nazionale è in crisi e la gente sta pagando di più sotto i conservatori, non può essere una priorità spendere 1 milione di sterline per una politica che il Tesoro – sostiene – non applicherà al 90% delle case di proprietà».

Dello stesso avviso anche il Liberal Dem Danny Alexander secondo il quale la proposta dei conservatori rivela uno stato di disperazione di Cameron.

PROMESSE ELETTORALI – Si apre così la polemica in Gran Bretagna poiché se i partiti di minoranza affermano che il taglio delle tasse di successione agevolerebbe i patrimoni più ricchi riducendo le imposizioni fiscali a meno di 20 mila proprietà, dalla parte dei Tories sono di opinione diametralmente opposta.

Secondo il premier Cameron la manovra garantirebbe ad una platea maggiore di individui la sicurezza del lascito ereditario ai congiunti senza l’oppressione del fisco, agevolando l’acquisto di una casa secondo una prospettiva a lungo termine che consentirebbe di diventare proprietari di casa. Un criterio di ricchezza ben noto anche in Italia, ma che nel Regno Unito osservano in molti con sospetto anche perché la riduzione delle tasse costerebbe allo Stato – a partire dal 2019/2020 se la legge diventasse effettiva – qualcosa come un miliardo di sterline.

Un costo che non sarebbe comunque indolore giacché – spiega la Bbc.com – i conservatori vorrebbero trovare i soldi con la riduzione degli sgravi fiscali sulle pensioni superiori a 150.000 sterline.

SONDAGGI E PARTITI IN CRISI – Di sicuro al momento, oltre alle dichiarazioni, c’è ben poco a parte i sondaggi. E anche quelli mostrano una situazione di profonda incertezza per tutti i principali partiti. Racconta ancora la Bbc: i laburisti si collocherebbero sul 34% seguiti a stretto giro dai conservatori posizionati al 33%. Dietro l’Ukip al 14%, i LiberalDem al 8% e i Verdi al 5%.

Sicché Cameron sta cercando la chiave di volta per spostare i consensi agitando le acque e il tema della successione fiscale non lascia insensibili gli inglesi i quali, allo stato attuale, sono tenuti a sborsare il 40% del valore sulle proprietà immobiliari su una quota non imponibile di 325.000 sterline a persona.

Se la proposta dei Tories dovesse essere accolta con la vittoria elettorale il prossimo maggio, i genitori potrebbero lasciare ai figli un ulteriore quota di 175.000 sterline da sommare ai 325.000 come soglia di imposta. ‘L’assegno di famiglia’ sarebbe cumulabile: ogni coniuge sarebbe il possessore della propria indennità di cui potrebbero godere non solo i figli ma anche il coniuge sopravvissuto.

Vedremo se a meno di un mese dalla turnata elettorale, i conservatori otterranno dei risultati.

Chantal Cresta

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews