Referendum: il 12 giugno si vota anche per il nucleare

paolo-romani

Il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani

Roma – La Corte di Cassazione ha stabilito che il 12 e 13 giugno si terrà il referendum sul nucleare.
Quesiti referendari – <<Sappiamo che l’asticella per il referendum è molto alta, si chiede un’affluenza non richiesta neanche per le elezioni politiche o amministrative, siamo tuttavia fiduciosi di poter raggiungere il quorum>>. Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, si dimostra ottimista con i giornalisti in tema di referendum.

Sul voto, ha spiegato Bersani, <<si parla nel merito: vogliamo il piano del governo sul nucleare o no? E’ questo vale anche per l’acqua e gli altri quesiti, non c’é destra o sinistra e spero che i mezzi di comunicazione diano spazio>>. I cittadini, ha aggiunto il leader di sinistra, <<hanno l’occasione di poter decidere e spero non se la facciano sfuggire>>. Quanto alle manifestazioni a sostegno del referendum, auspicate da Antonio Di Pietro, ha continuato Bersani, <<stiamo studiando cosa è meglio fare, bisogna sviluppare iniziative per aprirsi il più possibile. Ad esempio, il sindaco leghista di Varese ha detto di essere favorevole a due quesiti, allora venga sul palco, così come Fli>>.
Energia – La Cassazione ammette il quesito sul nucleare, inteso come argomento ‘sensibile’ per i cittadini e di fatto traino per il raggiungimento del quorum ai referendum del 12 e 13 giugno. La maggioranza, ha commentato ieri, Silvio Berlusconi, lascerà libertà di voto spiegando di <<non aver posizioni preconcette>> sul tema. Tuttavia, il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, dà l’allarme sul futuro della politica energetica italiana.

In effetti, lo stesso premier, durante un incontro con il presidente dell’Argentina, Cristina Kirchner, sarebbe stato esplicito: “i costi dell’energia, in Italia, sono del 40% superiori a quelli della Francia, dove esistono impianti di energia nucleare” e senza ricorrere all’atomo ci sarebbero ripercussioni sulle bollette.

Ora, accogliendo i ricorsi di Idv e Pd e la memoria del Wwf, la Suprema Corte preferisce far decidere agli italiani in materia di nucleare, anche se il Governo – dopo Fukushima – aveva stabilito una moratoria del piano energetico.

Un “tentato scippo”, secondo le opposizioni antinucleariste che oggi hanno festeggiato davanti al Palazzaccio perché, dice il verde Angelo Bonelli, <<ha vinto la democrazia e hanno trionfato i diritti dei cittadini>>.

Oggi, con il Governo alla prese con il difficile momento post elettorale, la decisione dei giudici preoccupa la maggioranza anche in vista del legittimo impedimento, uno dei quesiti referendari.

Così, mentre gli ambientalisti si mobilitano perché la Rai dia spazio agli spot sul voto negli orari di maggior ascolto, Enrico Letta e il Pd sperano di celebrare <<il terzo tempo delle elezioni>>, ottenendo un successo che, se non sarà una spallata, almeno indebolisca il Governo. Non di questo avviso, il leader Idv, Antonio Di Pietro, che ora chiede di “deberlusconizzare” il referendum, togliendo il simbolo dei partiti dall’appuntamento, per cercare di portare anche cittadini di centrodestra al voto.

Il ministro Paolo Romani, invece, ha espresso “stupore” per la sentenza della Cassazione e non si esime dal lanciare un chiaro allarme sul futuro dell’intera politica energetica della nazione: si rischia un <<vuoto normativo sulla costruzione del futuro energetico del Paese>>. Un fattore che potrebbe, a lungo andare, condurre l’Italia fuori dalle economie sviluppate.

 

Chantal Cresta

Foto || ansa.it

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

4 Risponde a Referendum: il 12 giugno si vota anche per il nucleare

  1. avatar
    anonimo 03/06/2011 a 12:19

    IL 12 E 13 GIUGNO ANDIAMO A VOTARE E POI ANDIAMO AL MARE!UN PICCOLO SACRIFICIO IN CAMBIO DELLA SICUREZZA E DELLA LEGALITA!VOTIAMO 4 SI PER DIRE NO A QUESTI PROVVEDIMENTI CONTROLA SICUREZZA PER AVERE L ACQUA SEMPRE E PER LA GIUSTIZIA DEL CITTADINO !VOTIAMO 4 SI SI SI SI!!

    Rispondi
  2. avatar
    anonimo 04/06/2011 a 22:53

    io voto SI a tutte 4 schede del referendum prima di votare informati e se vuoi puoi votare si anche tu, per la sicurezza della tua vita e per la giustizia!

    Rispondi
  3. avatar
    anonimo 08/06/2011 a 19:02

    DOMENICA ANDIAMO A FARE IL NOSTRO DOVERE DI BRAVI CITTADINI!CHI NON VOTA NON AMA LA VITA!!!!!

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews