Recensione – Machete Kills, Rodriguez colpisce di nuovo nel segno

Machete Kills recensione

Il poster del film

Machete Kills Again…In Space!: con questo divertente ed esagerato fake trailer inizia Machete Kills, seguito del fortunato Machete, film del 2010 che vedeva nei panni del protagonista l’eterno secondo Danny Trejo. L’attore statunitense di origini messicane viene di nuovo chiamato ad interpretare il ruolo dell’ex agente federale Cortez, un vero duro che grazie a modi brutali ed una risolutezza di ferro lotta contro i pericolosissimi cartelli dei narcotrafficanti. Stavolta, Machete è reclutato dal presidente degli Stati Uniti per portare a termine una missione impossibile per qualsiasi comune mortale: eliminare un pazzo rivoluzionario, un eccentrico miliardario mercante di armi che ha deciso di diffondere guerra ed anarchia sul pianeta.

UN CAST DI STELLE – Robert Rodriguez (Desperado, Dal tramonto all’alba, Sin City), dopo aver attorniato Trejo con nomi del calibro di Robert De Niro, Steven Seagal, Jessica Alba, Lindsay Lohan e Tom Savini – uno dei più importanti truccatori e creatori di effetti speciali di Hollywood –, aumenta la posta in gioco chiamando a sé Mel Gibson, Michelle Rodriguez, Antonio Banderas, Lady Gaga, Cuba Gooding Jr. e, per una breve comparsata, anche Jessica Alba. Nonostante tutte queste “personalità”, il film mostra una coralità e un’organizzazione perfetta, ognuno dà il proprio contributo professionale e divertito ad un’opera di rigorosissimo cinema di genere in cui exploitation, splatter e azione si mescolano in un godibilissimo parossismo stilistico. Rodriguez continua ad esagerare e, potendo contare su un protagonista truce ed impassibile, esaspera i toni del precedente Machete in favore di un gioco bidimensionale che non fa calare mai l’attenzione.

LA TRAMA - In Machete Kills, lo splatter acquista inaspettati toni ludici e l’azione diventa il collante perfetto per una serie di situazioni adrenaliniche che, tra incidenti catastrofici e donne seminude, accompagnano Machete attraverso l’intera pellicola. Dopo l’uccisione di Sartana, infatti, Cortez incontra il presidente degli Stati Uniti (Charlie Sheen), che gli offre la possibilità di cancellare tutti i suoi precedenti penali e la possibilità di diventare cittadino americano, ad un’unica condizione: salvare Washington da un ordigno nucleare progettato dallo scienziato Luther Voz. Proprio questo personaggio, interpretato da un davvero ottimo Mel Gibson, è il fulcro della vicenda di Machete Kills e del suo seguito. Il fake trailer all’inizio del film non è altro che un antipasto del prossimo Machete Kills Again…In Space. Voz, infatti, permette al regista texano di iniziare una commistione stilistica che dalle armi futuristiche passerà ad uno scontro spaziale. Come detto precedentemente, Rodriguez non ha freni e ci regala un’opera filmica che si schiera dalla parte più intransigente del suo cinema. Desperado, Dal tramonto all’alba e Planet Terror sono qui, nelle ambientazioni a ridosso del muro tra California e Messico, nei volti dei protagonisti e nell’eccesso stilistico di trovate sceniche da capogiro.

L’EPOPEA CONTINUA - Machete Kills è un film dall’alto grado spettacolare che sa intrattenere un rapporto di profonda partecipazione da parte del pubblico, che sia esso già avvezzo al genere o meno non fa differenza. All’ombra dei grandi cartelli che gestiscono il traffico di droga tra Messico e Stati Uniti d’America, tra le trame di fitti intrighi politici e bagnato da litri di sangue e di budella, Rodriguez organizza così un vero e proprio gioco – viscerale e sanguigno – tra sé e il suo pubblico, che non potrà che lasciare la sala cinematografica appagato e soddisfatto. Non rimane che attendere con ansia e trepidazione il terzo atto di questa splendida epopea cinematografica.

Emanuel Carlo Micali

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews