Rebel Soul: il nuovo album di Kid Rock

Torna nei negozi uno dei cantanti più cafoni della scena rock statunitense: Robert James Ritchie    meglio conosciuto come Kid Rock. Passata la fase rap e hip hop degli esordi, e accantonato il sound Rap-metal che ne ha decretato il successo, il cantante statunitense si è riproposto al pubblico con un sound più classico, mescolando il rap degli esordi con heavy metal, hard rock, e soprattutto southern rock, blues e country. Grazie a questa miscela Kid Rock è tornato in vetta alle classifiche grazie all’accoppiata di album Rock n Roll Jesus e Born Free, datati rispettivamente 2007 e 2010. Quest’ultimo è stato un album di grande successo, caratterizzato dalle collaborazione con esponenti di spicco della scena musicale americana quali Sheryl Crow, Bob Seger, Zac Brown e Chad Smith, e supervisionato dall’eccellente produzione di Rick Rubin.

Il cantante originario del Michigan prosegue sulla strada del revival anche con Rebel Soul, fresco di uscita nei negozi, che ripropone la formula dei due precedenti album: southern rock, country, blues, ai quali un tocco di elettronica e un perenne alone pop forniscono al sound globale la marcia in più per poter ancora una volta scalare le classifiche.

 

Chickens in the Pen è un buon rock da classifica con sonorità leccate, fatto apposta per entrare nella testa dell’ascoltatore e perdersi al suo interno senza trovare via d’uscita, così come Let’s Ride, altro brano orecchiabile da radio.

Kid Rock (foto via:politico.com)

Catt Boogie, Redneck Paradise, Cocaine and Gin affondano le loro radici nel blues e nel rock anni ’70, e rappresentano l’anima più seminale di questo disco. Detroit, Michigan è un simpatico brano soft rock, mentre la titletrack Rebel Soul è un brano scanzonato e dalle influenze sudiste e country, che fa il paio con God Save Rock N Roll.

Happy New Year è un amorevole inno di festa e pace, mentre Celebrate è puro rock’n’roll. The Mirror stona con i precedenti brani, soprattutto nella prima metà, mostrando una modernità che stride con la freschezza dei brani precedenti.

Mr. Rock N Roll non ha bisogno di commenti: il titolo dice già tutto. C’è spazio anche per le sonorità ibride: Cucci Galore è hard rock mescolato con hip hop, residuo delle origini musicali del musicista di Detroit, mentre la conclusiva Midnight Ferry è un rocchettino poco rock e molto pop.

Rebel Soul è un gran minestrone di classic rock, country, soul, southern rock, A.O.R., e blues. Il tutto viene poi risciacquato in una salsa pop dal sapore molto marcato. Il risultato è un album che prosegue la strada intrapresa da Kid Rock negli ultimi album, nel tentativo di bissare il successo del precedente Born Free: un disco di facile ascolto, orecchiabile e scanzonato, di poppeggiante rock da classifica dal quale si possono estrarre innumerevoli singoli perfetti per i passaggi radiofonici. Un formula vincente che andava spremuta ancora un po’: Kid Rock è un cantante abile a seguire i gusti di un pubblico esigente e lunatico. La vera musica probabilmente altra, ma se cercate un rock classico al passo con i tempi e di facile appeal, questo Rebel Soul è il disco giusto per voi.

Alberto Staiz

Foto homepage: http://musicblog.acountry.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews