Ragazze rapite in Usa, nuove verità. Costrette nude e a quattro zampe

rapite, amanda berry, usa

Il ritorno a casa di Amanda Berry dopo dieci anni di rapimento

Trapelano sempre più dettagli sulle tre donne rapite a Cleveland, in Ohio, e segregate per dieci anni in casa del loro carceriere, Ariel Castro.

L’ex autista di scuolabus l’anno scorso aveva persino partecipato a una veglia per ricordare la sparizione di Gina, confortando personalmente la madre della ragazza ed era solito girare per la città con la foto della scomparsa.

Molti i misteri ancora legati alla vicenda. I vicini avevano spesso notato situazioni strane e chiamato la polizia, che si sarebbe limitata a bussare alla porta di Castro e andare via senza forzare l’ingresso.

Le tre ragazze, Amanda Berry, Gina DeJesus e Michelle Knight, sarebbero inoltre state viste circa due anni fa legate a un guinzaglio camminando nude a quattro zampe nel cortile di proprietà di Castro. Con lui ci sarebbero stati altri due uomini, probabilmente i due fratelli, fermati con lui per il rapimento.

Nei dieci anni trascorsi inoltre le donne avrebbero portato avanti almeno cinque gravidanze. Amanda Berry ha anche avuto una bambina che ora ha sei anni e che Castro era solito portare al parco e presentare come sua nipote.

Degli altri bambini non si hanno notizie, mentre sarebbero accertati tre aborti per malnutrizione.

Gian Piero Bruno

@GianFou

Foto: lastampa.it

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews