Quando la salute diventa un lusso

Banche per cellule staminali: in aumento le domande dall’Italia, ma il deposito costa oltre 2mila euro. Intanto le cliniche fanno a gara a chi ce le ha più famose

di Giorgio Finamore

Monica Bellucci e Vincent Cassel

Monica Bellucci e Vincent Cassel

Ormai anche le cosiddette “banche del cordone”, che negli ultimi anni sono andate incontro a un vero e proprio boom di richieste, sono costrette a farsi concorrenza. Dalla Svizzera al Regno Unito, le cliniche che custodiscono cellule staminali (ricavabili dal cordone ombelicale e dal midollo osseo) si sono moltiplicate in quasi tutta Europa. Inevitabile quindi puntare sulla pubblicità, cercando di dimostrare agli interessati di essere i migliori su piazza. Ma come si può pubblicizzare una “banca del cordone”?

Ci ha pensato la Stells Stem Cells Bank di Lugano, che ha deciso di puntare tutto sulla fama dei propri clienti. Brad Pitt e Angelina Jolie, Vincent Cassel e Monica Bellucci, ma anche il presidente della Fiat John Elkann e la moglie Lavinia Borromeo. Sono tutti nomi che la clinica svizzera ha fatto circolare sui media per invogliare altre coppie a garantire eterna salute ai propri eredi.

L’investimento però non è per tutte le tasche. Servono non meno di 2mila euro per conservare le cellule staminali nel caveau sanitario di Lugano. Eppure le domande, soprattutto dall’Italia, sono in forte aumento. Il nostro è infatti l’unico paese in cui vige una specifica restrizione per cui le cellule staminali possono essere donate soltanto al sistema pubblico e non a cliniche private.

Cellule staminali

Cellule staminali

C’è da domandarsi se una tale restrizione non sia di fatto anacronistica e controproducente. Negli ultimi anni le ricerche hanno dimostrato che le cellule staminali possono essere utilizzate per curare malattie degenerative (solo in Europa vengono effettuati 25mila trapianti all’anno) e pare che in un prossimo futuro potranno essere adoperate per rigenerare il muscolo cardiaco dopo un infarto.

Resta però un forte interrogativo riguardo i costi. Se garantire la salute dei propri figli diventa un privilegio di attori hollywoodiani e magnati dell’industria, significa che il progresso scientifico non va di pari passo con l’adempimento di uno dei più fondamentali principi costituzionali, quello di uguaglianza.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews