Quando l’arte diventa itinerante

Luoghi e spazi inaspettati diventano sede di incontri con l’arte grazie alle iniziative di Traslochi ad arte

di Laura Dabbene

Amarè di Valeria Patrizi – Traslochi ad arte

ROMA – La noia e la fatica di un trasloco, tra scatoloni e oggetti avvolti nella carta di giornale, diventano occasione di svago e divertimento se stipati in un furgoncino in cui ci sono quadri e fotografie, lampade e oggetti d’artigianato artistico, un impianto stereo e un video proiettore, insieme a tutto il materiale di scena per una rappresentazione teatrale. È questo lo spirito che anima l’attività e le iniziative di un gruppo di giovani artisti che, incontratisi a Roma, hanno deciso di unire le forze per dare vita all’esperienza di Traslochi ad arte. Ognuno con il proprio bagaglio formativo e culturale, con i propri interessi e il proprio talento nelle diverse discipline, con la propria ispirazione e carica creativa, è salito a bordo di un camioncino itinerante che sposta le loro opere là dove si trovano spazi ed occasioni per eventi, mostre e performance, guidati da un tema, un fil rouge che accomuna, spesso per il tempo effimero di una sera, le loro creazioni.

Dopo la collettiva natalizia allo Spazio Officina 468 e l’happening al Teatro Furio Camillo in occasione della rassegna Tutti uniti contro le discriminazioni, l’ultimo appuntamento è stato il 25 febbraio nel vivace quartiere di San Lorenzo. Somnia è il titolo dell’evento e il sogno il tema guida delle esperienze artistiche raccolte nell’accogliente spazio del locale La Riunione di Condominio. Il blu, colore per antonomasia che evoca la notte, e quindi il sonno, è la nota cromatica dominante scelta ed imposta agli artisti per raccontare ed esprimere le loro visioni oniriche, scegliendo ognuno la tecnica preferita e più congeniale. Dalle eteree figure addormentate, vere dee lunari dall’incarnato azzurrato nelle tele di Fabio Imperiale, alla serie di scatti intitolati Transeunte di Claudio Oliva, dove la fotografia incontra il tema del teatro-danza, fino alla ragazza assopita nel metro parigino immortalata da Luca Fralleoni, la figura femminile risulta essere soggetto privilegiato. Perché in fondo la notte è donna, la luna è donna e il blu ne accarezza e ne addolcisce i lineamenti, proprio come rende più sinuose le forme architettoniche e naturali nelle fotografie di Roberta Rossi, o evanescenti le creature marine di Arsenio Bitritto. Ma come il sogno è spesso non sense e indefinito, così il modo di raccontarlo attraverso un quadro non può passare solo attraverso opere figurative ma sconfina nelle forme colorate ed estratte di Eleonora Gianfermi nell’acquarello In equilibrio.

Riflessi di storia di Francesco Scire - Traslochi ad arte

Nell’atmosfera ovattata creata dalle lampade realizzate dai diversi artisti (la grande luna azzurra di Tatiane Araujo insieme alle creazioni di Marina Dimo e Valerio Modesti, capaci di rifrangere, polarizzare e giocare con la luce), gli spazi dell’inconscio si esprimono nel susseguirsi di performance che portano sul palcoscenico le parole di scrittori affermati (Baricco, Pessoa, Mann) insieme a quelle di scrittori emergenti (Agostina Bevilacqua, Edyth Cristofaro, Franco Giovannelli, Fabio Imperiale, Emanuela Mascherini, Valeria Patrizi, Giulia Riccò, Marco Settembre, Agostino Terranova, Nicola Troiani), capaci di raccontare il sogno abbinando la propria personale narrazione alle opere dei diversi artisti.

E sogno non può non essere musica, quella di Handel e di Danny Elfman che si incunea con le note acustiche suonate dal vivo da una vibrante chitarra elettrica.

Dal sogno alla realtà. Ci si risveglia quando i giovani artisti, tutti rigorosamente in abiti da notte, pigiami o negligè, concludono la serata disallestendo il palcoscenico, smontando l’impianto, staccando quadri e fotografie dalle pareti. Perché il trasloco continua.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews