#Prontoacorrere, il nuovo album di Marco Mengoni – Recensione

Marco Mengoni #Prontoacorrere (riservasonora.files.wordpress.com)

La copertina del nuovo album di Marco Mengoni "#Prontoacorrere" (riservasonora.files.wordpress.com)

Un primo piano dai colori vintage con uno sguardo tenebroso e capelli ribelli: è questa la copertina di #PRONTOACORRERE, il terzo album di inediti di Marco Mengoni, vincitore della terza edizione di XFactor, nonché trionfatore assoluto dell’ultimo festival di Sanremo. Il titolo è in pieno stile social (il cancelletto è infatti il simbolo dell’hashtag di Twitter), e rappresenta, a detta del cantante, un omaggio a tutti i fan che ogni giorno lo sostengono con i loro tweet (ma a noi sa di una piuttosto esagerata trovata commerciale). Nonostante sia uscito vincitore da un talent show televisivo, il giovane Mengoni è riuscito negli anni a dimostrare le sue ottime capacità, arrivando a rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest e a vincere il premio Best European Act agli MTV Europe Music Awards nel 2010.

Prodotto da Michele Canova per Sony Music, #PRONTOACORRERE è un lavoro creato ad hoc per lanciare il giovane nell’Olimpo dei grandi: non a caso il disco vede la partecipazione di grandi nomi come quelli di Ivano Fossati, Gianna Nannini, Pacifico e Mark Owen dei Take That, i cui brani spaziano da ritmi e toni melodici ad altri più rock, fino ad arrivare alla dance. Il merito del notevole equilibrio che traspare sin dal primo ascolto va al lavoro e alla capacità di Canova, espertissimo produttore discografico in grado di lanciare brani insoliti e innovativi nella discografia di un cantante e tramutarli in successi commerciali senza intaccarne minimamente l’immagine (come è già accaduto con il sound elettronico di Jovanotti e l’R&B di Tiziano Ferro).

L’album si apre con L’essenziale, il brano vincitore di Sanremo, forse uno dei migliori dell’intero disco, e fa da buona apertura a questa terza fatica in studio del cantante di Ronciglione. La seconda traccia è Non me ne accorgo, un papabile singolo per il suo ritmo piuttosto rapido ed energico, al quale succede la malinconia di Non passerai, cui Mengoni non è estraneo (basti pensare a In un giorno qualunque). Seguono poi Un’altra botta, un brano frizzante ma un po’ troppo leggero e frivolo, e La vita non ascolta, con sonorità più vicine al british rock contemporaneo che innalzano il livello dell’album, anche se il testo sembra non essere all’altezza della situazione. La traccia numero sei è Pronto a correre, scritta da Mark Owen e tradotta da Ermal Meta (ex componente del gruppo La Fame di Camilla), un brano energico ma il cui testo non è, ancora una volta, molto convincente.

Segue poi, finalmente, Bellissimo, scritta da Pacifico e Gianna Nannini, secondo brano presentato a Sanremo, davvero orecchiabile e forse più adatto al mercato radiofonico rispetto alla canzone vincitrice del Festival. Mark Owen si sente con chiarezza nella successiva I Got the Fear, il brano più godibile dell’intero album, che in un mix di pop e soul adattissimo al cantante riesce con maestria a valorizzarne la voce, senza preoccuparsi di colpire con un testo ambizioso. Continuano le collaborazioni con La valle dei re, scritta da Cesare Cremonini, e Spari nel deserto, di Ivano Fossati, che non riescono però ad arrivare dirette come molti dei brani precedenti. Bella anche 20 sigarette e interessante Una parola, una stoccata dance piuttosto insolita, ma orecchiabile. Chiude il disco Natale senza regali, un brano autobiografico e intimo: il cantante è nato, infatti, proprio il 25 dicembre, coincidenza che lo costringe a ricevere ogni anno un solo regalo. Al di là di questo tenero e infantile rammarico, il brano evoca piuttosto bene la tristezza del tempo che passa in solitudine in un grigio lunedì.

Marco Mengoni vincitore a Sanremo (sorrisi.com)

Marco Mengoni vincitore a Sanremo (sorrisi.com)

Complessivamente, #PRONTOACORRERE è un album tecnicamente impeccabile, degno prodotto di una campagna pubblicitaria di posizionamento ben studiata (i brani sono stati incisi a Los Angeles, quasi a voler dimostrare che lo studio di registrazione sia una garanzia di qualità). Ma la musica, per quanto pop possa essere, non può essere un solo mero prodotto commerciale, soprattutto se la voce che si sta usando è quella di Marco Mengoni, che nei passati lavori aveva dimostrato di essere molto più di un semplice concorrente da talent show. Preferivamo il Mengoni giovane, inesperto, fuori dalle regole del commercio, guidato dalla grande esperienza e cultura musicale di Morgan, che durante il suo percorso a X Factor gli fece cantare Michael Jackson, i Talking Heads e Mia Martini, quando l’obiettivo era valorizzare la sua voce e dimostrarne le infinite capacità, e non vendere il più alto numero possibile di copie ad adolescenti innamorate.

(Foto: sorrisi.com / riservasonora.files.wordpress.com / film.it)

David Di Benedetti

@davidibenedetti

[youtube]http://youtu.be/-EHGlRvo1To[/youtube]

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a #Prontoacorrere, il nuovo album di Marco Mengoni – Recensione

  1. avatar
    Alessandro 28/05/2013 a 14:56

    Se interessa qui c’è tutto il tour 2013!

    su eventiqui.it

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews