Positive le piazze finanziarie europee a inizio della settimana decisiva per le sorti dell’euro

MILANO – Segnali positivi dai mercati all’indomani dell’approvazione da parte del Cdm della manovra anticrisi. Piazza Affari dopo un’apertura in forte rialzo, con il Ftse Mib in progresso del 2% e l’All Share che guadagna l’1,73%, ha ampliato i guadagni e a pochi minuti dall’avvio di negoziazioni conquista la maglia rosa europea a +2,4%. Crollo verticale per lo spread fra Bund tedeschi a 10 anni e i corrispondenti Btp: dall’apertura a 454 punti, infatti, il differenziale è sceso sotto quota 430, a 428 punti.

Positive le piazze finanziarie europee in avvio di quella che sarà una settimana decisiva per le sorti dell’euro con l’incontro oggi a Parigi di Merkel e Sarkozy che discuteranno dei principi che dovrebbero sostenere una prossima unione fiscale europea e all’indomani della manovra varata dal governo Monti in Italia.

Parigi avanza dell’1,15%; Lisbona +1,38%; Amsterdam +0,71%; Francoforte +0,75%. Londra guadagna lo 0,17%. Chiude in leggero rialzo la Borsa di Tokyo con l’indice Nikkei 225 in progresso dello 0,60% a 8.695,98 punti.

Chiusura in ribasso per le piazze cinesi di Shangai e Shenzen. A Shangai il Composit lascia sul terreno l’1,16% a 2.333,23 punti, mentre a Shenzen il Component perde il 2,26% e termina le negoziazioni a 9.586,06 punti.

Nel frattempo, il vice presidente della Commissione Ue e commissario per gli affari monetari, Olli Rehn, promuove la manovra varata ieri dal governo Monti. In un comunicato Rehn afferma che la manovra è «un passaggio molto importante per le finanze pubbliche e per restaurare la crescita preservando l’equità sociale» e in attesa di conoscere le misure nel dettaglio sottolinea che il pacchetto di interventi è tempestivo e ambizioso e mostra un segnale di un nuovo approccio.

Per Rehn la manovra di circa 20 miliardi dovrebbe consentire all’Italia di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013.

Più in dettaglio Rehn apprezza gli interventi sulla previdenza e quelli sul fisco che mostrano un diverso orientamento spostando la tassazione dal lavoro al capitale e alle rendite. Sul tema della crescita, il commissario europeo sottolinea che il nodo della «bassa crescita del potenziale dell’Italia non poteva essere corretta in un giorno ma le misure annunciate aiutano a rimuovere alcune restrizioni».

La nuova manovra presentata ieri dal presidente del Consiglio Mario Monti è infine «piuttosto ben disegnata, visto che tenta di abbassare le spese tramite un’accelerazione nella riforma delle pensioni e aumentare le entrate tassando la ricchezza», a detta degli economisti del Credit Suisse.

Natalia Radicchio

Foto| via http://intermarketandmore.finanza.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews