Patto locale per la lettura: avvicinare i bambini al mondo dei libri

Comuni e province italiane si uniscono per aumentare il numero di lettori nel nostro Paese, cominciando dai più giovani

patto locale per la letturaCome riuscire ad aumentare il numero di lettori in Italia? Nel nostro Paese, oltre il sessanta percento degli italiani non legge nemmeno un libro all’anno, confinando il mondo della lettura ad un livello marginale della nostra società.

Il popolo italiano non ha ancora ben chiaro che la lettura, oltre a essere un momento di distrazione, produce progresso e ricchezza, in una società dove l’informazione e la comunicazione stanno avendo un ruolo strategico e dove leggere e aggiornarsi è di grande rilievo.

PROGETTO IN VITRO- È per questi motivi che, per fortuna, nascono progetti e iniziative di promozione della lettura, grazie ad associazioni e ad enti locali che si muovono per creare, sempre di più, rapporti produttivi con la lettura.

In particolare, dalla fine del 2013, è partito il progetto In Vitro, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, ideato e finanziato dal Centro per il Libro e realizzato insieme ad Enti Locali ed associazioni dei bibliotecari, degli editori e dei librai, con la collaborazione aperta ad esponenti del mondo della cultura, dell’informazione e dello spettacolo interessati a promuovere la lettura dei libri. L’obiettivo principale è quello di avvicinare i bambini, di età inferiore ai 14 anni, al mondo della lettura già dalla tenera età, perché loro sono il nostro futuro. Inoltre,  è di aiuto il fatto che il mercato editoriale per ragazzi sia abbastanza maturo per riuscire a svolgere un ruolo così importante.

Il progetto In Vitro si ripromette di promuovere la lettura attraverso una serie di iniziative che coinvolgeranno tutti i protagonisti della filiera del libro, nonché referenti politici presenti sul territorio e tutte le personalità dell’ambito sociale, per permettere di aumentare il raggio della lettura e della cultura a partire dai bambini e dalle loro famiglie.

IL PATTO LOCALE PER LA LETTURA –  Nell’ambito di questo ambizioso progetto, è nato il Patto locale per la lettura. In cosa consiste? Esso coinvolge  molti comuni italiani, sulla scia di un progetto simile nato in Spagna nel 2003. Ogni provincia e le relative amministrazioni si rendono disponibili a co-finanziare progetti che abbiano come obiettivo la promozione e lo sviluppo della lettura tra i bambini, investendo risorse proprie e degli sponsor, promuovendo le iniziative che saranno organizzate e permettendo alle strutture locali di aderirvi facilmente. Le province coinvolte al momento sono: Biella, Ravenna, Lecce, Siracusa, Nuoro e l’intera regione Umbria.

Tutto questo sarà possibile coinvolgendo istituzioni, scuole, università, biblioteche, case editrici e librerie, per creare la nuova generazione di lettori del futuro, organizzando iniziative e progetti interessanti per loro. L’idea su cui si basa il Patto locale è quella per cui la lettura viene vista come una risorsa e un bene comune, da dover condividere con gli altri e su cui investire per il bene della società e dell’individuo.

I BAMBINI FUTURO DELLA CULTURA- Una bella iniziativa, che può essere vista come un passo in avanti per rivoluzionare la cultura e l’educazione nel nostro Paese, partendo dalle basi della vita umana: i bambini. È stato provato, difatti, che leggere ai propri figli, già poco dopo la nascita, influenzi molto il loro modo di apprendere e di sviluppare il proprio linguaggio, oltre a far sviluppare le capacità relazionali e affettive che avrà crescendo.

Inoltre – sembra scontato ma non lo è – leggere e informarsi contribuisce a diminuire il divario culturale che persiste nel nostro Paese, che è sempre più multiculturale e differenziato.

Un’operazione molto ambiziosa ma sicuramente una delle più interessanti nel panorama culturale italiano odierno, nel quale si è capito l’importanza del leggere come elemento essenziale della crescita e dello sviluppo comuni. Imparare a leggere con attenzione e passione, già da piccoli, oltre che uno svago e un divertimento, aiuta  ad essere liberi, rafforzando il nostro spirito critico e perfezionando il nostro modo di essere.

                                                                                                                                                                                                                                 Ilaria Scognamiglio

                                                                                                                                                                                                                                               @Fairydodo

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews